Un ragionamento linneo, 23 maggio

Il tasso può essere fisso o variabile, può essere comune o europeo, può essere americano o dell’Asia centrale. Il tasso variabile può arrivare a pesare 15 kg. Il tasso del miele è lungo circa un metro e non risente delle fluttuazioni del mercato. E’ schivo, difficile da avvicinare, vive solitario o in coppia. Può avere un interesse passivo, notturno, o essere un tasso misto e onnivoro. La tassonomia è la disciplina che si occupa della classificazione dei tassi, indistintamente che siano animali o finanziari, alcolemici o di sconto, che sia Torquato o di contagio, che sia Euribor o tasso del miele africano. Il padre della moderna classificazione in stretto ordine alfabetico dei tassi, da tassa a tosse, la tassonomia, è Carl Nilsson Linnaeus, Linneo per gli amici del Circolo dei castori. E’ stato medico, botanico, naturalista, panteista, sognatore ad occhi aperti, figlio dei fiori e ricercatore di profumi ricercati. Nato il 23 maggio 1707 in una fattoria del sud della Svezia, da padre contadino e dalla figlia di un pastore protestante perché i pascoli non erano mai abbastanza. Fin dall’infanzia il giovane Carl sviluppò un grande interesse per la botanica. Passava tutto il suo tempo nei campi vicino casa raccogliendo piante ed erbe, alcune delle quali fumava. Rientrava a casa la sera solo quando la madre, dalla finestra della cucina, gli urlava che era pronto in tavola. Da giovane iniziò a prendere forma il suo metodo di classificazione tassonomica raccogliendo erbe e fiori che metteva nelle pagine del suo diario calciatori 1730-1731. Nel 1731 la Regia società delle scienze di Uppsala finanziò una sua spedizione in Lapponia per allontanarlo dalle cattive amicizie e dal gruppo da lui fondato dei “figli dei fiori” d’oppio. Le specie scoperte durante quel viaggio furono trattate nell’opera Flora Lapponica ovvero Cosa fuma Babbo Natale nei periodi di cassa integrazione. Nel 1739 fu uno dei fondatori dell’Accademia reale svedese delle scienze bio passando il tempo a curarne i giardini interni. Ad Uppsala restaurò il giardino botanico, disponendo le piantine di diverse città secondo il suo ordine di classificazione alfabetico binominale da abete bianco di Ancona a zucche di Zelo Buon Persico. I suoi ultimi anni di vita furono caratterizzati da un crescente pessimismo perché i rami evolutivi, specie quelli dell’albero filogenetico, non davano i frutti sperati. Al naturalista svedese è dedicato l’asteroide 7412 Linnaeus scoperto nel 1990 dal milionario belga Eric Walter Elst mentre seguiva la scia di una stella cadente, esprimendo il desiderio di vincere al superenalotto entro l’anno.

Questa voce è stata pubblicata in almanacco, guido penzo e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...