E io che mi pensavo che chi li tira più lontano vince ai dadi.

Chi è senza peccato scaglia di grana, cugino di settimo grado della Scala di Milano, perché il ring è quadrato?

Non toccate quella tastiera, c’è chi dice no, chi vota forse, chi si avvale della facoltà di Giurisprudenza quando  guida perché il lavoro mobilita l’autista.

Se non è zuppa, cicciabomba capo cannoniere, mentre dilapide al cimitero, senza senso, fuori di senno, a furor di propoli.

Palla magica, recipiente disadattato a contenere, tra incudine e martello, martello tra ionio a carica positiva.

Metto a disposizione, negli appositi luoghi comuni, le seguenti parti del mio corpo, grassetto quanto basta: mens insana, una mano morta ed una a picche, un orecchio da mercante ed uno fine, un gomito alzato ed uno da lavandaia, un piede piatto ed un piede di porco, un naso per gli affari, il fiato corto, una faccia di bronzo, due borse sotto gli occhi, un unghia reincarnata, le impronte digitali e quelle analogiche, il grasso che cola, le maniglie dell’amore, un dito nella piaga e le altre nella marmellata, un pollice verde, un indice di gradimento, la coda tra le gambe, un sesto senso, il sangue blu, una buona spalla, il fegato amaro, gli occhi dolci, lingua biforcuta, uno stinco di santo, uno sguardo vigile, un cuore d’oro, un dente avvelenato, il doppio mento, un intestino pigro.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in freddezze, giochi di parole, guido penzo, humorismo e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...