Cantami o diva che non riesco a prendere sonno.

Datemi un martello. Che cosa ne vuoi fare? Appendere un quadro!

Rose rosse per te ho comprato stasera e il tuo cuore lo sa cosa voglio da te. Un vaso dove metterle?

Nessuno mi può giudicare nemmeno tu. Lo so che ho sbagliato una volta e non sbaglio più. Ma il cartello di divieto di sosta prima non c’era.

Non gioco più, me ne vado, non gioco più, davvero, il pallone no, non ve lo lascio, che poi non lo rivedo.

Prendi questa mano, zingara, dimmi pure che destino avrò, ma  almeno i documenti ridammeli.

Sapore di sale, ma quanto ce ne hai messo?

Guarda come dondolo, guarda come dondolo con il twist. Con le gambe ad angolo, con le gambe ad angolo ballo il twist. Sarà perché io dondolo, saranno gli occhi tuoi che brillano ma vedo mille mille mille lucciole, venirmi incontro, incontro insieme a quell’agente della Stradale.

Se bruciasse la città, c’ho l’alibi!

Per quest’anno non cambiare, stessa spiaggia, stesso mare, pero a giugno che costa meno!

Sei diventata nera, nera, nera, sei diventata nera come il carbon, ma non puoi prendertela così, scherzavo quando dicevo che sei una donna di peso.

L’estate sta finendo, e un anno se ne va, sto diventando grande e c’ho il materassino da sgonfià.

Sotto questo sole è bello pedalare sì ma c’è da sudare. Volevo vedere se pioveva!

Lisa dagli occhi blu senza le trecce la stessa non sei più. Vestita da uomo non t’avevo riconosciuta.

Ciao, sono io. Buonasera dottore. Amore mio. Ha sbagliato numero!

Mi ricordo montagne verdi, e le corse di una bambina, con l’amico mio più sincero, un coniglio dal muso nero. Aspetta un poco che in queste condizioni a casa nun ce poi tornà!

Pazza idea. Tientela per te.

Siamo solo noi. La prossima volta col binocolo…

Buona domenica. Anche a lei e famiglia.

Every little thing she does is magic. Ma tirar fuori un cilindro da un coniglio non l’avevo mai visto.

Delle cicale, ci cale ci cale ci cale, della formica invece non ci cale mica, automobili telefoni tivu’, nella scatola del mondo io tu, per cui la quale, ci cale ci cale ci cale. Adesso scrivile che se passa l’effetto te le scordi!

Più crudele è la guerra, e l’uomo sa cos’è la guerra. Caldo e tenero è l’amore, e l’uomo sa cos’è l’amore…Sandokan ma se te chiedo l’area del rombo, l’uomo sa qual è l’area del rombo?

Si può dare di più. Parla per te!

Paese mio che stai sulla collina, col prossimo condono lo mettiamo a posto!

Le bionde trecce, gli occhi azzurri e poi…qualche altro particolare che ci aiuti a trovare la truffatrice?

Che sarà, che sarà, che sarà. Che ne so, che ne so, che ne so.

Knock, knock, knockin’ on heaven’s door. Testimoni di Geova? E’ la porta accanto!

Nel continente nero, alle falde del Kilimangiaro, non trovi un tabaccaio neanche a pagarlo oro.

Blu, le mille bolle blu, blu, le vedo intorno a me, blu, le mille bolle blu, che volano e volano e volano. Blu, le mille bolle blu, blu, mi sento dondolar, blu, tra mille bolle blu che danzano…No signorina, non sono bolle blu ma è il lampeggiante. Favorisca libretto e patente!

Dio delle città, e dell’immensità, se è vero che ci sei…solo 5 numeri sulla ruota di Milano!

 

 

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in cantami o diva, freddezze, giochi di parole, guido penzo, humorismo e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...