Sesto senso civico.

 

Ci sono momenti nella vita che non si può far finta di niente. Momenti in cui non ci si può girare dall’altra parte. Momenti in cui bisogna prendere una posizione chiara, precisa, decisa. Momenti in cui non si può essere accondiscendenti o, peggio ancora, complici. Momenti in cui non bisogna guardare in faccia a nessuno. Momenti in cui la diplomazia va a farsi… friggere. Momenti in cui si deve alzare la voce. Momenti in cui si deve battere il pugno sul tavolo. Momenti in cui non ci si può tirare indietro. Momenti in cui non si deve aver paura dell’opinione degli altri. Momenti in cui il segnale deve partire da noi. Momenti in cui bisogna agire senza domandarci se altri ci seguiranno. Momenti in cui fare la differenza fa la differenza.

Momenti in cui tipo questa mattina che battuto il pugno sul bancone, indicato con fare minaccioso prima il barista e poi la cassiera, ed ho urlato a squarciagola:

 “VOGLIO LO SCONTRINO!”

Ci sono momenti in cui, mi hanno fatto notare, bisogna prima ordinare.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in giochi di parole, guido penzo e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...