Il Pd+effe.

Tempismo

di Guido Penzo

Tempismo: [tem-pì-smo] s.m. capacità, attraverso l’uso di specifico meccanismo, di fare il bello o il cattivo tempo.

Ognuno aveva il suo. Ce n’erano di tutti i tipi: tascabile per chi voleva usarlo senza farsi notare, con lo specchietto sul retro per le borsette da donna, con led lampeggianti di vari colori per uomini che non devono chiedere mai “dove l’ho messo?”, con lettore incorporato per quando ci si vuole addormentare ascoltando qualcuno che ti racconti una favola. Era il “must” dell’estate-autunno-inverno-primavera del 2093. Ogni occasione era buona per farselo regalare: una nascita, un compleanno, un funerale. Ogni occasione era buona per un regalo: le stesse di prima. Facile da usare, impermeabile con ombrello allegato in caso di temporali, utilizzabile a temperature comprese tra i – 57° e i + 135°, temperatura minima e massima mai raggiunta sul nostro pianeta (ma non ci giurerei sugli altri). Era l’accezione contemporanea della “macchina del tempo” di Wells. Pigiando un pulsante piuttosto che un altro si poteva viaggiare nel tempo, quello atmosferico, secondo i desideri di chi lo utilizzava. Se volevi partire con la pioggia pigiavi il tasto blu e subito un leggero acquazzone bagnava il tuo mezzo di trasporto. Tasto giallo se volevi arrivare con il sole, azzurro chiaro se preferivi un sereno variabile alla Bevilacqua, nero se ti sconsigliavi di metterti in moto (meglio il treno). Un numero infinito di sfumature per non lasciare il tempo che si trovava. C’era anche chi, senza necessariamente dover viaggiare, lo usava come passatempo.

Chi l’avrebbe mai detto, nel 2013, che nel futuro ognuno avrebbe potuto fare il bello o il cattivo tempo?

————————————————————–

L'(n+1)esimo libro della fantascienza è un ebook collettivo. Sono 622 pagine di racconti, qualche disegno e un paio di poesie; il Commodoro Isola Virtuale ha fatto la copertina anche quest’anno, lo credevamo impossibile ma si è superato.
L'(n+1)esimo libro della fantascienza si scarica gratis, come al solito, nei tre formati elettronici classici: per gli amanti delle ere passate, in pdf (in A5, ma vi sconsigliamo di stamparlo); per tutti gli altri pensatori del futuro, in epub e in mobi.

Grazie a Barabba e al Many

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in giochi di parole, guido penzo, Il libro, Senza categoria e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...