SIAMO IN 32.

(di Guido ce n’è uno, tutti gli altri son 31)

Ho deciso, avrò un libro nel cassetto. Un libro di non-poesie. Per non dare torto a chi dirà: “Ma questo non è un libro di poesie”. Un libro che si può leggere a caso o a casa, durante una pausa pranzo o durante il pranzo, a letto o in lettura. Un libro di che già il titolo dice tutto: “DA QUANDO MI HANNO SPIEGATO COME SI COMPONGONO LE POESIE, HO SMESSO DI SCRIVERLE“. Con un  sottotitolo, a scanso d’equivoci:

 “Poeta sarà tuo fratello”.

Cos’altro mi manca? Ah già, le non-poesie. La prima, ma anche no, potrebbe avere come titolo “Zero tituli”. Scherzo! Potrebbe essere:

A TUTTO TONDO

Da quando si è scoperto che la terra è rotonda / come la palla magica / come la tavola di re Artù / come la ruota al luna park / come il giro che alla fine tutti giù per terra / niente si può fermare / che subito arriva qualcuno che dice: “Circolare!”.

Per questo, prima o poi, tutto torna / torna Lessi / torna Tore / torna chi ha sbagliato la misura del maglione / storna chi ha sbagliato alla cassa / incassa il pugile sul ring quadrato / torna l’assassino sul luogo del delitto / ritrovandosi.

Tutto gira attorno ai giramondo e viceversa / L’importante è girare, girarsi a guardare / dare una svolta ad una vita rettilinea / fare buon viso a gioco villano / fare fuoco su chi è davanti all’obiettivo / scavalcare chi vi sorpassa / cavalcare l’onda / allungare il passo oltre il passo di montagna / impressionare la pellicola trasparente / essere indifferenti a tutta voluttà / ingaggiare una gazza in semi-libertà / senza condizionarla / affogare il dispiacere nel caffé / incoraggiare chi ha coraggio di vendere le proprie azioni / al miglior sofferente.

Perché è tanto importante far finta di sapere / quanto sapere di far finta / sapere di non sapere di sapere / lo so / giratevi e rigiratevi ma non solo / da solo / a letto / giratevi e rigiratevi nel salotto / nel tinello / dal macellaio senza paura di combinare un macello / nell’ovaio senza paura di combinare una frittata / dal fioraio senza paura di non capire il loro linguaggio.

Non fateveli fregare come la bici / slegata da ogni legame affettivo/ tranne le gomme / inutili per cancellare / le tracce del proprio passaggio / a passeggio / nel paesaggio.

 5

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Un po' esie e un po' no.. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...