20

25/09/2008
parola mia 2

  

VOCABOILARE®

parole a senso unico alterato

CASSAPANCA: Contenitore di legno posto sotto una panca, contenente una capra morta.

ASSECONDARE: Consegnare ad un atleta la medaglia d’argento.

ASSEDIARE: Cercare di conquistare una città a colpi di sedia.

ADDOMESTICARE: Cercare di convincere una donna a mettere in ordine la casa piuttosto che guardare la televisione.

FRATELLO: Lo è diventato Guglielmo dopo essersi ritirato in un monastero, come voto se fosse riuscito a colpire la mela posta sulla testa del figlio.

TIRARE ACQUA AL PROPRIO MULINO: Atto di vandalismo descritto dal Cervantes nel Don Chisciotte.

 

Postato da: penzogi a 10:02 | link | commenti (1) |
citazioni, vocabolario, comix, librizionario

24/09/2008
parola mia 1

  

VOCABOILARE®

(QUANDO INIZIO QUALCOSA NON VEDO L’ORA DI DEFINIRLO) 

Aspettando il Vocabolario Di Zio Nario

 

SIGNORA: (molto singolare, femminile) Persona che ha una scarsa consapevolezza di se.

CONOSCENZA: Studio del cono sia gelato che a temperatura ambiente.

TESTIMONE: Esame teorico per conseguire la patente nautica.

TRANSITARE: Lacune momentanee.

TI AMO: Amo a forma di T per la pesca del Pesce innamorato pieraccioniano.

TESTAMENTO: Parte del ritornello della nota canzone di Don Lurio “Testa spalla”.

CASCAMORTO: Stuntman alle prime armi, da sparo, particolarmente sfigato.

IMPIEGATO MODELLO: Lavoratore pubblico di giorno che, per arrotondare lo stipendio, sfila di sera.

 

Postato da: penzogi a 10:27 | link | commenti (1) |
citazioni, vocabolario, guido penzo, librizionario

23/09/2008
 

  

Studente spara a compagni di scuola, Borse a picco e il petrolio aumenta, Alitalia ancora in pista, picchiato con mazza da baseball, Cinesi che piangono sul latte, la Forleo ricorre al Tar, Treni a rischio venerdì, a Napoli niente curve, Piccolo Teatro di Milano salta la prima…

NIENTE DI NUOVO:

Incipit

“Dopo il ritrovamento di una mano morta, il Giudice per le indagini senza preliminari ha emanato tre ordini di arresto: Alt, stop e non ti muovere.” (Guido Penzo©)

 

Postato da: penzogi a 11:28 | link | commenti (4) |

18/09/2008
 

  

Perchè la Monna lisa ha gli occhi blu? Cosa ci fa Capitan American con Capitan Europa e Capitan Africa? Dove va in un flash Gordon? Perchè Rin Tin Tin continua ad abbaiare? Chi vuole sfatare la fata Turchina? Chi guida il bat-tiscafo di Bat-Man? Cosa nasconde la scomparsa della Gioconda? A qualcuna di queste domande (non a tutte, non sono un tuttologo) risponde IL FURTO DELLA GIOCONDA a sua insaputa.

 

Jean Michel Basquiat “Gioconda” 1983

 

Postato da: penzogi a 16:31 | link | commenti (2) |

 

  

CURRICULUM DI VITA

 

Aveva cercato il coniglio nel cilindro. Aveva cercato il pelo nell’uovo. Aveva cercato di non dare nell’occhio. Aveva cercato il bandolo della matassa. Aveva cercato il futuro nella sfera. Aveva cercato l’ago nel pagliaio. Aveva cercato di correre al riparo. Aveva cercato di lasciare il segno. Aveva cercato di arrampicarsi sugli specchi. Aveva cercato di rompere il silenzio. Aveva cercato di fare cassa. Aveva cercato di entrare nel giro. Aveva cercato di vendere l’anima. Aveva cercato l’occasione buona. Aveva cercato la via di fuga. Aveva cercato il fantasma nell’armadio. Aveva cercato di non farsi sorprendere. Aveva cercato di non cadere in basso. Aveva cercato di non piangersi addosso. Aveva cercato la luna nel pozzo. Aveva cercato di essere credibile. Aveva cercato l’estate tutto l’anno. Aveva cercato di cavarsela da solo. Aveva cercato un passaggio verso nord-ovest. Aveva cercato un cavillo per il suo piccolo regno. A suo tempo avrebbe cercato la vita dopo la morte. Aveva cercato una torre per arroccarsi. Aveva cercato di stare con due piedi in una scarpa. Aveva cercato di passare all’azione. Aveva cercato un posto fisso e l’aveva trovato, grazie al suo curriculum…Ricercatore.

 

Postato da: penzogi a 10:05 | link | commenti (3) |

17/09/2008
 

  

NON ACCAMPATE STORIE, SCRIVETELE.

 

Blog&Nuvole si propone di riunire la scrittura proveniente dai Blog e il Fumetto, due modi espressivi della contemporaneità che per le capacità di sintesi possono interagire valorizzandosi a vicenda nella creazione di una nuova forma artistica. Sono ammessi al concorso: Gli scritti in prosa di blogger, il cui spazio web è aperto al pubblico, che rientrano in uno dei cinque temi. I testi non devono superare le 2000 battute, spazi esclusi. È ammesso un solo elaborato per autore in formato .doc. L’autore dovrà inviare lo scritto tramite mail entro il 30 ottobre 2008 alla Redazione, indicando il tema scelto (si indichino anche due temi in caso di incertezza), i propri dati anagrafici e indirizzo blog. Gli autori (blogger) e gli artisti i cui lavori sono stati selezionati e pubblicati nello spazio Web Blog&Nuvole – che non saranno stati premiati – riceveranno un attestato di riconoscimento. Saranno premiate cinque storie, una per tema. La Fondazione Cologni dei Mestieri d’Arte assegnerà, in base al giudizio insindacabile della Giura, ad ogni blogger e ad ogni artista vincitore un premio pari a 500 euro (al netto delle tasse). Le storie verranno pubblicate, insieme a quelle di apertura e a una selezione degli eventuali contributi fuori concorso, in un libro-catalogo edito da Comma22 che avrà distribuzione nazionale. Ecco un esmpio di quello che la vostra storia potrà diventare:

 

Blog&Nuvole 

a cura di Lucia Saetta  cronomoto – Cristina Vannini Parenti fruscii.      E’ una iniziativa in collaborazione con La Triennale di Milanoe la Fondazione Cologni dei Mestieri d’Arte.   (inconsapevolmente) Guido Penzo Ioguido ha dato il nome al progetto, Salvatore Mulliri aka Aquatarkus webdesigner e webmaster. 

 

Postato da: penzogi a 09:41 | link | commenti |

16/09/2008
 

  

CARMETROPOLITANI, SCALZI.

“Non sopporto la gente che vuole mettermi i piedi in testa. Soprattutto se sono donne, con i tacchi” (Guido Penzo©)

 

Postato da: penzogi a 09:31 | link | commenti (5) |
citazioni, comix, guido penzo

15/09/2008
Io non sono.

  

O vado per funghi o vado per esclusione. La seconda, per esclusione.

CHI NON SONO

(Non sono il figlio unico di mio fratello)

Non sono Miss Italia. Non amo gli abiti lunghi e non so arrampicarmi sugli specchietti. Una volta ho messo la corona in testa ma la bici, senza, non andava. Non so sorridere al cattivo gioco, divento subito rossetto in volto. Non mi promuovo da solo ma aspetto il voto di consiglio. Rispondo solo a domande di cui non so la risposta. Ho fatto solo una foto di nudo ma io ero il fotografo. Non sono un attento lettore. Mi distraggo tra una riga e quella che ho saltato. A volte seguo il personaggio anche al di fuori della storia, parteggio per uno e pareggio per due, soffro d’immaginazione prospettica, cambio il finale se quello che leggo mi va stretto e lo prendo di una taglia più grande. Non sono un callito giocatore. Non mi prendo gioco senza chiedere. Mi stanco se non vinco al solitario, non gioco al sub buteo perchè non so sottostare, le carte le accartoccio quando non so leggerle, i soldatini li ho congedati raggiunta la pace dei sensi. Non riesco a disfarmi del bumerang, le bambole, dopo la prima volta che le ho pettinate, hanno deciso di andare dal parrucchiere. Non meno il can per l’aria. Troppo can can mi disturba l’umore, poverino. Il cane è il miglior amico dell’uomo ma é anche un avaro, mai un cane che mi abbia offerto da bere. Non sono un frequentatore di locali notturni. Quando arrivo io, i locali se ne sono già andati e sono rimasti solo quelli che vengono da fuori. Non tiro tardi per paura di colpire qualcuno. Vado a dormire con le galline, anche se loro non vogliono. Solo una volta ho fatto l’alba per vedere sorgere il sole, in diretta alle 5 e 35, su Rai Due. Non sono un forestiero, anche se sono naturale non amo le foreste piene di stranieri. Tutti hanno una lingua diversa, per non parlare degli occhi. Non sono un collezionista. A meno che fare una colazione al giorno non faccia testo. Una volta collezionavo brutte figure che ritagliavo da giornali scadenti, poi ho smesso perchè nella mia stanza non c’era più posto per me. Non sono un fredifra…gra..fradigra…un fregradifra…non sono quello che non so scrivere. Se lo dico a voce, va bene, ma se mi chiedono di scriverlo non lo sono. Non sono carino, costo il giusto. Non sono presuntuoso (presumo) ne appiccicoso. Non sono un cuoco all’altezza, indipendentemente. Faccio i capricci alla marmellata di more per non andare in guerra fredda. Ho le mani in pasta, in tasca. In cucina preparo sempre la tavola, per questo mi invitano, ma il legno, la sega e il martello me li porto da casa. Non sono un operatore ecologico. Non faccio riprese di panorami infiniti. Non opero, non inquadro, non filmo sulla fiducia. Ogni tanto faccio foto. Metto sempre a fuoco prima di scattare, sarà per questo che ho solo immagini scottanti. Non sono un cambia valute. Se le avete volute ve le tenete. Non ho sposato nessuna iniziativa. Se prolifera non sono stato io. Non prendo iniziative se non sono quelle di stagione. Non accampo scuse, sin tende. Non sono uno scrutatore del cielo. Non mi aspetto di vedere venusiani che arrivano da Marte (anche se una sosta a metà strada è necessaria). Conto le stelle, ma questo non conta. In futuro? Conterò. Non sono un chiaro veggente, ci veggo anche al buio. Non sono un caibattino anche se le uso in casa. Non sono un diplomatico anche se ho fatto il liceo. Non sono un segugio, mi piace arrivare prima. Non sono un cioccolattaio, non offro caramelle agli sconosciuti. Non sono uno che fa testo ne illustrazioni. Non sono io, quando sono fuori di me!                       

 

 

Postato da: penzogi a 11:24 | link | commenti (6) |
si legge, guido penzo, quello che non sono

 

foto della situazione

 

  

 

L’ESTATE E’ SFINITA, SI FA IL CAMBIO DELL’ARMADIO

 

SI METTONO LE BARCHE SOTTO ACQUA

 

PER TIRARLE FUORI IL PROSSIMO ANNO

 

 

 

 

 

MENTRE C’E’ GIA’ CHI ASPETTA SUL PROSSIMO PONTE

 

 

 

 

 

Postato da: penzogi a 09:30 | link | commenti |
guido penzo, foto mia

 

12/09/2008

 

comiCITTA’

 

  

 

DICHIARAZIONE D’INTENTI, COMICI

 

“Non voglio essere preso sul serio” (Guido Penzo©)

 

 

 

 

 

Postato da: penzogi a 13:10 | link | commenti (2) |
citazioni, comix, copyright, guido penzo

 

11/09/2008

 

due righe abbondanti

 

  

 

FANTASCIENZA IN DUE RIGHE

 

“Da una costola dell’uomo creò una donna. Ventiquattro ore al giorno, sette giorni alla settimana. Alienante la vita di un robot alla catena di montaggio” (Guido Penzo©)

 

“L’alimentazione di un robot? Scatolette, sempre e solo scatolette” (Guido Penzo©

 

)

 

 

 

Postato da: penzogi a 16:30 | link | commenti (6) |
citazioni, comix, guido penzo

 

la fine è nota.

 

  

 

LA FINE DEL MONDO

 

“Il giorno che ci sarà la fine del mondo vorrei essere presente, per poter dire: Io c’ero” (Guido Penzo©)

 

 

 

Postato da: penzogi a 09:45 | link | commenti (1) |
citazioni, comix, copyright, guido penzo

 

10/09/2008

 

 

 

  

 

 

 

 

 

Postato da: penzogi a 13:23 | link | commenti (9) |

 

tre per due

 

  

 

“Garibaldi, a Milano, è una stazione della metropolitana. Per il resto dell’Italia è l’eroe dei due mondi. Chissà perchè, i suoi genitori, hanno sentito il bisogno di chiamarlo come una stazione del metrò”.

 

COMIX

 

“L’ultima volta che ho marinato la scuola, se ne sono accorti perchè avevo messo troppo aglio” (Guido Penzo©)

 

PER MODO DI DIRE

 

“D’inverno, quando fa buio presto, vado adormire con le galline, ma in letti separati!” (Guido Penzo©)

 

 

 

Postato da: penzogi a 10:20 | link | commenti (4) |
citazioni, comix, guido penzo

 

09/09/2008

 

macchina del tempo

 

  

 

LA MACCHINA DEL TEMPO

 

AL TEMPO

 

DELLE MACCHINE

 

Pro verbiale

 

“Con la mia macchina del tempo posso viaggiare dal presente al futuro, ritornare al passato, muovermi nel trapassato remoto, visitare il congiuntivo, camminare per il gerundio e tornare, all’infinito” (Guido Penzo©)

 

Temporale in temporeale

 

Tra le occasioni troverai vari modelli di macchina del tempo. Non t’ingannare, non è nel tempo che potrai viaggiare, ma il tempo atmosferico potrai, ad umore, cambiare. Potrai fare il bello e cattivo tempo: sereno, se sereno sarai, o per un nonnulla ti rannuvolerai, pioggia o vento a scelta, tuoni e fulmini e acqua con o senza catinelle o cielo pieno di pecorelle da contare quando non sai cosa cantare(Guido Penzo©)

 

 

 

Postato da: penzogi a 16:44 | link | commenti (6) |
citazioni, copyright, guido penzo

 

08/09/2008

 

 

 

  

 

Settembre nero? Penso positivo.

 

“L’ottimista vede tutto rosa anche con gli occhiali da sole” (Guido Penzo©)

 

 

 

Postato da: penzogi a 09:34 | link | commenti (6) |
citazioni, comix, guido penzo

 

05/09/2008

 

 

 

  

 

MEMENTO MORI…O BIONDI

 

Se avete un calendario sotto mano, ma anche appeso al muro va bene lo stesso, annotatevi questo appunto: ricordati che devi morire. Dove “devi morire” è da intendersi “forse”. Quando? Il 10 settembre, giovedì prossimo, Santa Pulcheria (secondo il mio calendario). Due giorni prima di San Guido un buco nero creato artificialmente dal grande acceleratore di particelle Lhc (Large hadron collider) del Cern, il laboratorio internazionale di fisica di Ginevra, comincerà a far girare nel suo anello di 27 chilometri i primi fasci di protoni, accelerandoli alle velocità del big bang primordiale, per poi farli collidere tra loro, in urti frontali capaci di spezzarli, e quindi di rivelare che cosa c’è al loro interno, forse il segreto della gravitazione e persino di altre dimensioni. Secondo Otto Rossler, chimico tedesco, si potranno creare dei piccoli buchi neri, difficili da schiacciare, che potranno risucchiare tutto il pianeta. Detto questo, quanto prima, indicherò un tot di cose da fare prima di morire. Non posso dire il numero preciso perchè…porta male. Intanto evitate di morire prima!

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Postato da: penzogi a 17:16 | link | commenti (7) |

 

Quando ci sono tanti gradi.

 

  

 

COSE CHE CAPITANO, IN GENERALE…CAPORALE.

 

“Quando faccio il saggio di fine anno, tutti si mettono in fila per chiedermi consigli per il futuro” (Guido Penzo©)

 

“Grazie alla chirurgia plastica, ci sono delle bottiglie in PET da due litri che possono contenere fino a tre litri d’acqua” (Guido Penzo©)

 

 

 

Postato da: penzogi a 10:17 | link | commenti |
citazioni, comix, guido penzo

 

04/09/2008

 

 

 

  

 

HO FATTO UN GIRINO PER LA CAMPAGNA, OGM.

 

Ho visto una rana saltare in un alluminio. Non ci sono più gli stagni di una volta.

 

STILE LIBERO

 

Ho visto una rana nuotare a farfalla.

 

NON SI VIVE DI SOLO PESCE

 

Ho visto una rana pescatrice darsi alla caccia.

 

NON LA SOLITA CROCIATA

 

Ho visto una rana messa in croce, senza messa.

 

 

 

Macchianera Blog Awards 2008

 

 

 

Come si fa? Fino al 5 settembre cliccando qui, potete segnalarMi, Nome del Blog: Ioguido Indirizzo del Blog: http://ioguido.splinder.com. Categoria: a Vostro piacere, a me piace Blog Rivelazione (la rivelazione alla fine)

 

 

 

Postato da: penzogi a 17:30 | link | commenti (4) |

 

 

 

  

 

CHE TEMPO CHE HA FATTO?

 

 

 

“Non ho tempo. Per questo lo guardo passare, è il mio passatempo. L’aspetto da solo nella sala di bell’aspetto che ripassi, che torni indietro sui suoi passi. Ma il tempo è ormai passato, a volte remoto, lontano nel tempo. Il tempo è infinitesimale, piccolo, minuto, secondo a nessuno. Il tempo c’era prima della notte dei tempi, quando nessuno ancora si chiedeva: che tempo che fa, a che ora? Ti accorgi della sua presenza solo quando è già trascorso e trapassato, e non puoi fermarlo. Per quanto corri non riesci mai a precorrerlo. Ogni cosa ha il suo tempo e tu il tuo: nasci, cresi, muori, tocchi ferro. Il tempo è così. Quando va bene è e sei sereno, quando va male è temporale, come il potere. Ma il mio tempo è scaduto e in frigorifero non ce n’è dell’altro. Solo il tempo di un consiglio d’Egitto: se un giorno viaggerete nel tempo portatevi una ventiquattrore”.

 

 

 

Postato da: penzogi a 14:00 | link | commenti |

 

02/09/2008

 

 

 

  

 

HO AVUTO UNA TELE VISIONE

 

Ci sono giorni, ma anche pomeriggi e sere che, pur sapendo leggere e scrivere, guardo la televisione. La guardo per delle ore prima di decidermi ad accenderla. Solo dopo che l’ho accesa capisco la mia indecisione. Vorrei essere dentro quella scatola, vivere nel suo plasma, muovermi tra veline, ballerine, amiche di Maria e di Maurizio. Entrare ed uscire dai consigli per gli acquisti di oggetti che non sapevo di desiderare. Vorrei bussare porta a porta ed entrare nei salotti degli italiani. Vorrei salutare con la manina, chiedere un aiutino, aprire un pacco, accenderla. Vorrei essere teleraccomandato ed intercettato, per avere molto ascolto. Vorrei che il mio vicino di casa mi vedesse in Tv mentre mi faccio gli affari suoi. Vorrei dare la linea al telegiornale. Vorrei entrare ed uscire da  uno Studio Aperto. Vorrei abbracciare, giuro, Giurato. Vorrei essere la talpa nell’isola dei famosi. Vorrei essere un fratellone che lavora nella fattoria X. Vorrei ballare con le stelle dopo aver ascoltato l’oroscopo. Vorrei dare un calcio a quelli che…in piazza Grande. Vorrei poter dire “io sono in quanto video”.  Vorrei spegnerla, ma in casa mia, io non telecomando. Sarà, per la prossima stagione, lo specchio dell’Italia allo specchio, non speculare.

 

 

 

A MONTE: NON E’ UN MIRACOLO? (da Giavasan)

 

 

 

I wasn’t that hungry tonight so I just thought I would make some toast when all of a sudden it popped up and I was staring at the face of NOBODY in the toast! NON-HOLY WHITE BREAD! What are the chances of an atheist getting a piece of toast that looks like nothing! Somebody call the media! I haven’t been this shocked since I found the Flying Spaghetti Monster in my vermicelli.

 

 

 

Postato da: penzogi a 13:31 | link | commenti (4) |

 

29/08/2008

 

 

 

  

 

Nuovo record

 

“Secondo il display della pompa di benzina, ho fatto 10 euro di verde in 6,84* netti. Spero di non migliorarmi in futuro”.

 

* Litri

 

A monte. Continua la “campagna” per la mia Nomination (nominazione, in italiano) ai

 

Macchianera Blog Awards 2008

 

 

 

come si fa? Da oggi fino al 5 settembre cliccando qui, potete segnalarMi, Nome del Blog: Ioguido Indirizzo del Blog: http://ioguido.splinder.com. Categoria: a Vostro piacere, a me piace Blog Rivelazione (la rivelazione alla fine)

 

Mi dispiace per chi credeva che il tutto fosse finito ieri. Oggi Vi progongo una intervista autodamè (l’autore intervista lo stesso autore, all’insaputa dello stesso). Se, al termine, avete altre domande…

 

Che cos’è cambiato da ieri? Da quando mi sono candidato per i Blog Awards, i giornalisti mi hanno fatto le pulci. Adesso non mi gratto più.

 

Cosa sei disposto a fare per essere votato? Scendere dalla catasta di specchi  sulla quale mi sono arrampicato, aggiustare tutte le uova rotte nel paniere e restituire il fiore che ho rubato per lei.

 

Perchè hai iniziato il blog? Perchè avevo un sacco di caramelle da dare e nessuno le prendeva (da uno sconosciuto).

 

Una frase che ti identifica? Tutti hanno un prezzo, chi s’è fregato il mio?

 

Il prossimo passo? Il sinistro.

 

 

 

Perchè questa scritta “applausi”? Perchè se non mi autostimo io, chi mi autostima?

 

 

 

(MF) Quindi lei non scenderebbe a compromessi? Diciamo che gli chiederei di salire da me…se poi questa domanda lascia sottintendere qualcosa, confesso che non amo il campeggio. (Già che ci sono a scrivere, posso fare io una domanda: se si fa sulle Alpi si chiama alpeggio, ma se mi trovo sugli Appennini?)

 

(MF) Dio esiste? Se però non ha un blog non può partecipare agli awards… <!–

–>

 

 

Postato da: penzogi a 08:46 | link | commenti (7) |

 

28/08/2008

 

PreMio

 

  

 

Se mi candido (non candito) mi votate?

 

Macchianera Blog Awards 2008

 

blog award

 

come si fa?

 

Da oggi fino al 5 settembre cliccando qui, potete segnalarMi, Nome del Blog: Ioguido Indirizzo del Blog: http://ioguido.splinder.com.

 

 

Votare oggi non costa nulla…ma domani potresti pagare per farlo.

 

Perchè farlo? Perchè è una catena senza santi in paradiso, Antonio compreso. Fate un post sul blog e segnalatelo a 10 vostri amici. Martino non l’ha fatto ed ha perso la kappa (il suo vero nome era Kmartino). Se lo fate smetterà di piovere. Se non piove pioverà e poi smetterà di piovere. Perchè è un concorso ed io sono uno studente fuori-concorso da molti anni. Per giocare nella blogsfera, ma senza dimenticare la blogpiramide o la blogCuneo. Perchè tutti hanno una Macchia Nera nel proprio passato anche se, a guardarla bene, sembra più una mosca. Perchè potete esprimere un voto senza il dito puntato e il fiato sul collo di un radicale, indipendentemente dalla par condicio (par, ma non sono sicuro). Perchè votare vi rende liberi e belli, felici e gratificati, ricchi dentro e…Insomma, volevo fare dell’ironia ma non ho trovato gli ingredienti adatti. Infine la categoria…Se cercate: Nomi di persona che cominciano con i, non c’è. Non c’è la categoria: Persone che comprano scarpe numero 39 anche se hanno il 44, per sentirsi giovani. Non c’è la categoria: Blog che hanno cambiato il mondo…adesso si dice ondmo. Non c’è la categoria: Sembra stupido, anzi…però un dubbio…Io proverei con BLOG RIVELAZIONE. Se bisogna votare, perchè non votare in grande?

 

 

ps: Sarei anche disposto a scambiare voto con voto di scambio a cui aggiungo una catena per bici sadomaso, la bici. Inoltre a dimostrazione d’esser degno della categoria Blog Rivelazione, Vi vorrei rivelare una rivelazione che nessuno Vi ha ancora rivelato: c’è terra su Marte.

 

e la stampa, cosa scrive?

 

Alla convention di Denver una serata densa di commozione, nervosismo, entusiasmo:

 

Guido si candida
«Il modello da seguire sono io, se volete rallento»

 

Il blogger (si scrive così?) parla dei suoi successi a palla prigioniera e a ruba mazzetto. 

 

 

 

DA UNO DEI NOSTRI INVIATI
DENVER — Una giornata da ricordare.
Densa di commozione, nervosismo e alla fine entusiasmo contagioso. Carica di suggestioni nostalgiche, tensioni appena dissimulate, orgoglio per la scelta che scrive una nuova pagina della blogsfera. Un voto per acclamazione consegna ufficialmente la nomination di Ioguido per la categoria Blog rivelazione. Il coup de theatre di Guido che si candida al Macchia Nera blog awards, nella speranza gi giocare un ruolo decisivo nella drammatica votazione del BlogFest 2008. Comunque vada a finire, domani è un altro giorno, sarà venerdì. Niente foto, grazie. La storia della palla prigioniera? Mentre Carla (Bruni, N.d.A.) mi faceva da palo, sono entrato nella guardiola del portinaio e l’ho gettata fuori dalla finestra. Un gioco da ragazzi! La prossima volta staremo più attenti quando giocheremo con la palla in cortile.

 

 

 

Bill Clinton alla Convention di Denver (Reuters)

Bill Clinton mentre sta per indicare Guido come candidato (Reuters), la stessa cosa fa Rat-Man, sotto.

 

 

 

 

 

 

 

Postato da: penzogi a 11:36 | link | commenti (2) |

 

27/08/2008

 

 

 

  

 

Una volta ho scritto per il teatro, rileggendo capisco perchè non mi ha mai risposto…assurdo!!!

 

LA CANTATRICE CALVA NON ERA CALVA, AL MASSIMO AVEVA LA FRONTE MOLTO ALTA.

 

Libera lettura, scrittura, frittura, futura messa in scena con altare, a chiare lettere, a latere.

 

UN ATTO A CASO, IL PRIMO IN ORDINE TEMPORALE (SPERANDO CHE SMETTA).

 

La scena fa molta scena. Il sipario si apre: metà a destra, metà a sinistra, metà a discrezione della regia. Al centro si distingue per la sua preparazione un tavolo preparato per la cena. Attorno, da destra a sinistra, tre sedie. Un lato del tavolo non ha sedie, per esclusione. Alla parete di destra uno scalattore immobile, sotto di lui un mobile con un sopraimmobile fermo. Alla parete opposta della scena no. Sulla destra una poltrona abbandonata su una sedia. E’ una poltrona e, per definizione, non farà nulla durante tutta la rappresentazione. Altri oggetti sparsi sulla scena, prima, rappresentano il disordine precostituito, il disagio di vivere, la mancanza di una dispensa, indispensabile. Lo spazio è esistenziale, la luce pregnante, i bagni in fondo a destra. Nulla è a caso ma tutto pare casuale. La fine è nota (nota per la regia: cambiare il finale).

 

Una bandiera inglese muta, sventola, in omaggio alla nazionalità dell’autore (nota per il trovarobe: se non ci fosse inglese va bene anche francese o spagnola o belga. Assolutamente non tedesca, l’autore non è tedesco).

 

Musica di un cellulare: (suoneria). 

 

Prima VFC (Voce fuori campo): Il telefono!!! Si ricorda ai gentili spettatori di spegnere il cellulare, di non masticare cicche, di non fumare, di non masticare sigarette…L’uscita di sicurezza è alle vostre spalle, restate immobili…è andata, potete girarvi. Si ricorda a chi avesse lasciato le proprie impronte all’ingresso, che al momento del ritiro dovrà esibire la ricevuta.

 

SIGNORA SMITH:  (entra a ritroso tornando su i suoi passi, rivolta alla poltrona seduta sulla sedia) Allora?

 

POLTRONA: (immobile, come una casa, scuote la testa)

 

SIGNORA SMITH (Patty, per le amiche): Allora sono le nove (guarda l’orologio a parete che indica le 8 e 35, si avvicina e porta tutte e due le  lancette sul 9) Gli ospiti entreranno dall’ingresso, affronteranno diverse prove, compresa quella del nove, alle nove, poi verrà servita la cena…a buffet. (contando nel vuoto) Dovrebbe esserci tutto…manca il contorno, il contorno di Londra.

 

SIGNOR SMITH: (entra da dove vuole. Per convenzione da dove è entrato si chiamerà, d’ora in avanti, ingresso) Sono le nove (guarda l’orologio a parete) precise. Ho portato il contorno di londra.

 

MACBETH: Ma questa non è una tragedia…scusate (esce a ritroso).

 

SIPARIO

 

VFC: Applausi!

 

Questionario (alfanumerico senza numeri) in attesa di un altro atto pubblico: a Perchè la cantatrice è calva come la prima attrice che la rappresentò? b Quale canzone canta la cantatrice? c Se si, la prima o l’altra? d Di che nazionalità è l’autore (sapendo che non è tedesco)? e A che ora si apre la scena (non vale guardare l’orologio)? f Quanto dista il teatro di Ionesco dal bar più vicino? g Ti sembra di conoscere la poltrona? h Se dipendeva da te, perchè non sei andato al cinema? i Un numero da 1 a 90? l Saresti disposto a dare il meglio di te senza ricevuta fiscale? m Ionesco è un nome d’arte o il paese d’origine?

 

 

 

Postato da: penzogi a 16:22 | link | commenti |

 

26/08/2008

 

e tre!

 

  

 

NON GIOCO IN BORSA, E’ TROPPO STRETTO.

 

“Tutte le medaglie hanno il loro rovescio. Per questo non investo mai in medaglie” (Guido Penzo©)

 

IL MARE D’ESTATE.

 

“Questa estate ho fatto il bagno in un mare talmente pulito che, immerso fino alle spalle, riuscivo a contare le dita dei piedi sott’acqua: 13.” (Guido Penzo©)

 

 

 

Postato da: penzogi a 15:36 | link | commenti (4) |
citazioni, aforismo, comix, guido penzo

 

tutti animali, esclusi i presenti.

 

  

 

REATI ESTINTI

 

“Ormai il taccheggio non esiste più. Chi si metterebbe a rubare tacchini al giorno d’oggi?” (Guido Penzo©)

 

 

 

Postato da: penzogi a 14:49 | link | commenti |
zoo, comix, guido penzo

 

 

 

  

 

SOTTO IL VULCANO…

 

estate 2008 046 by you.

 

Scambio il mio regno per un ragno, qualcuno per qualcunaltro, la quattroruote per un biplano bidirezionale, una chitarra scordata non ricordo dove per un post-it giallo oca, un sogno alla grande da realizzare per un cavallo errante, una lettera aperta per una scatola chiusa, un posto a tavola per un posto in prima fila, un cavalletto per amazzone che sa dipingere per un quadro della situazione, un tramonto per un tramare, un quarto d’ora in poi per una valigia da mettere sul letto, un organo qualunque per una viola viola, un salto nel vuoto per la certezza di cadere in piedi, un ferro di cavallo per un bastimento carico di speranze, un capo di lana per un impiegato modello primavera-estate, un grappolo d’uva per un mago con cilindro (anche con cono, ma non gelato), un canguro a forma di zaino per un dente pendente, un asciugamano utilizzabile anche per il viso per un soggiorno estivo, un’idea brillante per una notte senza l’una, l’altra per un sacco da svuotare, un tessera da sera per alpino o appenninico, una pagella delle medie per un paggio della Piaggio, un voto di scambio per uno scambio binario, un orsetto lavatore per un orsetto idraulico, un camaleonte con un dik, un solista per un gruppo elettrogeno, un genio della lampada per una cronaca puntuale, un camallo trentino per una meta da stabilire, l’altra dolce meta per una frase fatta a mano a mano, lucciole dell’est per lanterne rosse.

 

 

 

Postato da: penzogi a 13:44 | link | commenti |

 

25/08/2008

 

Cechi, d’amore.

 

  

 

C’E’ CHI SCRIVE: T’AMO,

 

SULLA SABBIA.

 

COSI’ HO SCRITTO

 

 

SULLA SABBIA.

 

POI, PENSANDOCI BENE, HO SCRITTO ANCHE

 

estate 2008 014 by you.

 

SULLA SABBIA.

 

IN CONCLUSIONE, SE C’E’ CHI SCRIVE T’AMO SULLA SABBIA,

 

IO HO SCRITTO

 

estate 2008 021 by you.

 

SULLA SABBIA. (Guido Penzo©)

 

 

 

 

 

Postato da: penzogi a 11:27 | link | commenti (12) |
citazioni, guido penzo

 

 

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...