40

AL BACIO!

 

Per prima cosa l’ho scartato. Poi ci ho ripensato e l’ho ripreso. L’ho scartato…l’ho ripreso. Gli ho tolto l’involucro e ho letto il bigliettino:

“Riprova, sarai più fortunato!

Postato da: penzogi a 16:15 | link | commenti |

 

ANSiA 2007-02-01 16:35 Londra La notizia che sia partita una gara a chi scriverà per primo una lettera tra Kate Moss e il fidanzato Pete Doherty, con la richiesta di pubbliche scuse, è stata smentita dai diretti interessati. Alla precisa domanda Pete, con una iniezione di fiducia, ha risposto: “Chi, io?”, mentre la famosa modella dopo aver fatto spallucce, ha detto di no con la testa ed ha tirato diritto.

Intanto Minni…

PS. Quello che non mi spiego è perchè le mie lettere arrivano sempre 4 settimane dopo?

Postato da: penzogi a 12:37 | link | commenti (7) |
comix, copyright, guido penzo

31/01/2007
 

  

Quando anche la politica vuole la sua parte, di satira. Quando una piccola notizia divora altre grandi notizie. Quando bisogna decidere chi eliminare dalla casa: Veronica, Silvio o Gabriele?

 Silvio  Veronica GabrieleGabriele

Si stava litigando così bene sui Pacs, quando Veronica Lario ha preso carta e penna. Non si era ancora trovato chi aveva alzato il termostato della temperatura del pianeta, quando Veronica Lario ha scritto l’indirizzo sulla busta. Non ci si riusciva a mettersi d’accordo sulla riforma elettorale, quando Veronica Lario è scesa in tabaccheria per comperare il francobollo. Non si erano ancora abbassati i toni sul decreto Bersani, quando Veronica Lario si è avvicinata alla cassetta della posta. Si stava per aprire le buste con i soldi per l’acquisto dell’Alitalia, quando Veronica Lario è andata in edicola. Ci si stava ancora spintonando per l’arrivo di Ronaldo al Milan, quando Veronica Lario ha letto quello che aveva scritto a Repubblica. Non aveva ancora finito di leggere che qualcuno ha detto :

E’ STATA FRAINTESA

 

Carosello 1962

Postato da: penzogi a 17:14 | link | commenti (4) |

 

  

Accomodatevi pure. C’est en 1900 que commence véritablement l’histoire de la pastille Valda. No, quella è la poltrona della Laurenza, ci son le sedie per voi. Henri-Edmond Canonne, pharmacien, a l’idée de créer un nouveau médicament pour soulager les irritations de la gorge. Volete delle pizzette? Ce féru des microbes propose une association de cinq antiseptiques efficaces issus de plantes mélangés à de la gomme arabique…eh, non le ho, mi spiace. però ho delle valda in tasca. La célèbre pastille Valda® est nèe.  Eccole qui le valda. una volta ne ho mangiate 23 in una volta e sono stata malissimo. (foto: yoruno

State pur comodi. Adesso ioguido torna…Già.

Quando non ci sono?

Quando non ci sono me ne accorgo perchè non rispondo al telefono, indipendentemente dalla domanda / Quando non ci sono non guardo la televisione (possono fare quello che vogliono, non la guardo) / Quando non ci sono il tempo passa. Se vuole ripassa o lascia un messaggio in segreteria / Quando non ci sono lascio le chiavi sotto lo zerbino, per farlo sentire più alto / Quando non ci sono lascio tutte le cose al loro posto, anche quelle fuori posto / Quando non ci sono abbasso le tapparelle viva le persiane (già che ci sono).

Postato da: penzogi a 14:15 | link | commenti (1) |

 

  

Ogni tanto sparo, ma a volte torno. Nel fra tempo e spazio (date tempo al tempo e fate spazio allo spazio) mi ritrovate quì, cioè lì o là, così è se vi appare.

POST – IT – PER – ME:   Quì (scad. 15/3)

E poi /  Inoltre: Ogni concorrente può presentare fino ad un massimo di tre lavori, preferibilmente inediti, ciascuno della lunghezza non superiore a tre pagine scritte in corpo 12, accludendo inoltre i propri dati e l’autorizzazione per l’eventuale pubblicazione. Il vincitore sarà premiato nel corso del FESTIVAL NAZIONALE DEL CABARET 2007 e le opere ritenute meritevoli saranno pubblicate da LA TAMPA. La partecipazione al concorso è gratuita. Gli elaborati dovranno pervenire esclusivamente via e-mail all’indirizzo paroledaridere@email.it entro e non oltre aprile 2007. Per ulteriori informazioni telefonare alla Segreteria del FNDC al numero 011386231 (orario 18-20). Sito Internet: www.festivalnazionaledelcabaret.it.

Postato da: penzogi a 11:51 | link | commenti (1) |
concorsi

  

 

 

PER SENTIRNE 4 (dell’anno scorso) in particolare il 15 con Bertolino e Posani.

Postato da: penzogi a 15:47 | link | commenti |

 

  

“NON SCHERZATE COL FUOCO,

NON CAPISCE LE BATTUTE” (Guido Penzo©)

Postato da: penzogi a 10:41 | link | commenti (1) |

12/02/2007
 

  

 

“I peperoni non riesco proprio a digerirli. Incompatibilità di carattere!” (GuidoPenzo©)

Postato da: penzogi a 16:55 | link | commenti (1) |

11/02/2007
 

  

C 6?  !

Postato da: penzogi a 21:59 | link | commenti (5) |

Co Mix

  

NON C’ERA NESSUNO

“Sono stato in un vivaio che era un mortorio”

Postato da: penzogi a 18:33 | link | commenti (2) |
comix, copyright, guido penzo

 

  

VECCHIE ABITUDINI

“Quando scarto un’idea tengo sempre la carta” (Guido Penzo©)

Postato da: penzogi a 15:20 | link | commenti (5) |
comix, copyright, guido penzo

10/02/2007
 

  

help

Postato da: penzogi a 14:11 | link | commenti (2) |

 

  

                    FARE QUADRATO CON I QUADRI  (Ex perimento).

 

Francesca Ferrari 17 febbraio Milano Galleria degli artisti. Via Nirone 1                           fino al 7 marzo 2007

CUORI FIORI …

Postato da: penzogi a 11:15 | link | commenti (2) |

09/02/2007
tradire

  

TRADIRE E IL FARE…

Fu vero tradimento o una scusa bella e buona come una mela?

UNA STORIA ORIGINALE, COME IL PECCATO, AMBIENTATA IN QUELLO CHE ERA UN PARADISO

 

PRIMA CHE SI SPARGESSE LA VOCE (IL VERBO).

 

Cosa, come, perchè ma soprattutto quando Eva ha avuto la sensazione che Adamo la tradisse?

Mettetevi nei panni d’Adamo, spogliatevi da ogni preconcetto, toglietevi anche quegli orribili calzini bianchi corti, assumete a tempo determinato una posa plastica riciclabile, affrontate il problema e se non riuscite a risolverlo chiedete il sostegno di un’insegnante di matematica. Logico? Matematico!…Ma tutto questo girozonzolarci attorno non cancellerà quella indelebile macchia di rossetto dalla canottiera della salute (e dalla vostra fedina matrimoniale). “Rossetto, canottiera, salute?”. Certo che far finta di non capire potrebbe essere una buona tattica fino a quando una lettera di Eva, pubblicata su Repubblica, non vi riporterà alla realtà. “Quella!” urla l’unica donna della vostra vita (così le aveva fatto credere Adamo), indicando una traccia rossa a forma di bocca di rosa evidenziata dal luminol che tiene in mano. La macchia c’è, è evidente ed evidenziata, ma potrebbe essere anche caffè…un amaro da buttar giù…del ragù…dovrei andare a rileggermi la bibbia della sceneggiata, pensa Adamo, mentre Eva, dopo aver mangiato la foglia, prende a morsi della fame la mela proibita.

Col senno di poi e con l’aiuto di C.S.I., R.I.S. e F.I.G.C., si saprà che non era rossetto quella macchia sulla canottiera, ma solo una scusa campata in aria (in Paradiso) per spostare l’attenzione dalla mela al pomo d’Adamo. Il resto è storia (inferno quotidiano compreso).

 

Autoscatto o c’era un fotografo?

PS in tempo reale (ai giorni nostri): Adamo ed Eva, dico, erano una coppia di fatto?

Postato da: penzogi a 11:57 | link | commenti (2) |
copyright, si scrive, guido penzo

08/02/2007
 

  

NON DI BASSO PROFILO

 

Mattia Moreni Autoritratto N° 18, 1990

Scrivete un racconto gotico (ve lo chiede melpunk )

E’ quasi mezza notte. Mi sanguina l’indice della mano destra, e intanto mangio pezzi di formaggio grana intinti nella marmellata (la mostarda di frutta è finita). E’ la seconda volta che sento rumori provenire dal soggiorno. E a casa non c’è nessuno tranne me.Questo sarebbe un incipit. Vabbeh, direte, proprio un incipit del piffero, e avete ragione. Ma ciò che conta e che voi, se volete, scriviate il seguito del vostro mini-racconto gotico, o di fantasmi o dell’orrore che sia. Direi che sarebbe bello contenere tutto nelle 1500 battute più l’incipit. Se le adesioni all’idea nefanda saranno almeo 5, procederò, a mio insindacabile giudizio e con l’ausilio di Pigadev, a designare il racconto vincitore. In palio, manco a dirlo, libri. 

Potete inviare i vostri racconti a mel_7111966@yahoo.it entro la fine di febbraio. Saluti”.

Io mi metto in gioco, anche se 1500 battute…chissà come si rideva ai tempi del gotico… 
 
 
 

E’ quasi mezza notte. Mi sanguina l’indice della mano destra, e intanto mangio pezzi di formaggio grana intinti nella marmellata (la mostarda di frutta è finita). E’ la seconda volta che sento rumori provenire dal soggiorno. E a casa non c’è nessuno tranne me.  So che dovrei andare di là a chiedergli il permesso di soggiorno nel soggiorno, ma ho paura. Quella stessa paura che ti assale alle spalle e ti stringe la gola, profonda. La stessa paura che finisca anche la marmellata, prima, e il grana, dopo. E se non hai grana tutte le porte rimarranno chiuse. Se ne infischia il vento, fuori, tanto lui sbatte le persiane. Dopo l’indice della mano ha cominciato a sanguinare anche l’indice del libro. Ho freddo, un grande freddo. Tiro su la copertina quel tanto che basta a scoprire il pied-à-ter. Ho una fame da lupo di Cappuccetto rosso, ma questa è un’altra storia.  Le fantasmagorie che giungono da dietro la porta sono sempre più forti e la mia carne è sempre più debole. Mi assale un dubbio. Prontamente afferro il concetto e lo colpisco. Una, due, tre volte. Sembra fatta, da come si comporta, ma non è finita (come la mostarda). Ormai è quasi tre quarti di notte e non riesco a prendere sonno, è troppo veloce per me. Da qualche minuto il silenzio mi circonda, è bastato andare di là e minacciare “Fantasma formaggino, se non la smetti ti spalmo sul panino!” (avevo finito anche la marmellata).

 

 

____________________________________________________________

 

Postato da: penzogi a 11:10 | link | commenti (3) |

 

  

“Non ho paura dell’aereo, anche se non vorrei mai trovarmelo davanti all’improvviso” (Guido Penzo©)

Postato da: penzogi a 10:33 | link | commenti |
comix, copyright, guido penzo

 

  

“Quando ho la pressione alta mi fischiano le orecchie.

Quando è regolare, applaudono” (Guido Penzo©)

Postato da: penzogi a 10:21 | link | commenti |
comix, copyright, guido penzo

07/02/2007
 

  

(scrivo il sogno prima d’andar a dormire che poi me lo scordo)

‘Stanotte ho sognato un sogno. Ho sognato un mare, laddove il Mar Rosso e il Mar Nero confluiscono nel Mar Rone, un mare di cose e i pesci che si domandavano: ma quante cose ci sono in questo mare, non si riesce neanche a nuotare…Ho sognato un pesce fuor d’acqua, senza fiato davanti ad una montagna da scalare, che guardava una cassiera (di quelle senza cassetti)…Va bene, rispondeva la cassiera allo sguardo interrogativo, le scalo il 20 per cento. Ma la montagna non voleva esser scalata da nessuna cordata perchè era già all’ottavo mese (grado, nella lingua montanara) e sapeva chi era il padre…quel topo di campagna inglese, Mouse Miki, destinato a diventar Capitan. La montagna sapeva, ben prima del ben detto, che avrebbe partorito un topolino, ma non sapeva che numero e disegnato da chi. Chi? In edicola, dopo morto. Ho sognato di essere in campagna in compagnia di un compagno col pugno chiuso, in Puglia, nella paglia con un ago in mano. Chi ha visto il mio ago, chiedeva la bilancia. Forse è tornato a casa, rispondeva uno scorpione. Ma no, io l’ho visto attaccar bottone con un corno a Capri, affermava un leone. Ho sognato che era nata una stella in una stalla e un fiocco di neve era stato appeso per le mani al suo fitto fitto. Ho sognato d’esser un nostromo e di navigar a vista in questo mare nostrum. Era nostrum perchè non c’era nessun altro a perdita d’occhio. Ho sognato di essere in Paradiso, circondato da torte (è tutto un magnum magna magna, gnam) e una Eva, in Kantevole, che mi diceva: prova tu a metterti nei panni d’Adamo…mi sono svegliato!

 

Postato da: penzogi a 17:53 | link | commenti (4) |

 

  

 

E qui si prova a scrivere l’humour, divertente e goliardico…

IL conTESTO

Postato da: penzogi a 14:49 | link | commenti (2) |

06/02/2007
 

  

 

CI SONO E NON C 6.

Postato da: penzogi a 18:58 | link | commenti (5) |

Frasi fatte adesso.

  

Ba o bah?

“The money must go on”©    e/o

“Il cielo è sempre più sky”©.

(Ma tarrese, ci è o ci fa a noi?)

Postato da: penzogi a 09:43 | link | commenti |
copyright, guido penzo

04/02/2007
 

  

LO SPORT PIU’ BELLO DEL MONDO ?

Una volta…

 

… finivamo in fretta i compiti per andare a giocare a pallone sotto casa;
… costretti alla regola di “portieri volanti” o ” chi si trova para”,
…”portieri volanti” e…”segnare da oltre centrocampo vale?” – Vale…vale tutto!
… quando si facevano le squadre, se venivamo scelti per primi ci sentivamo davvero i più bravi, i più importanti;
… l’ultimo che veniva scelto era sicuramente destinato ad andare in porta;
… chi arriva prima a dieci ha vinto;
… mentre facevamo finta di non sentire il richiamo della mamma quando incombevano le tenebre, c’era sempre qualcuno che diceva:
“chi segna l’ultimo vince” incurante del punteggio che magari era in quel momento 32 a 1,
… abbiamo vissuto con terrore l’epoca delle “Espadrillas” con le quali ai piedi non si poteva giocare a pallone;
… invece avevamo ai piedi le Tepa Sport,
… non potevamo sederci sul pallone altrimenti diventava ovale;
… il proprietario del pallone giocava sempre anche se era una schiappa e non andava nemmeno in porta;
… anche senza la traversa non avevamo bisogno della moviola per capire se era goal. “Goal o rigore” metteva sempre tutti d’accordo;
… al terzo corner è rigore;
…”siete dispari posso giocare?” – “Eh non lo so, il pallone non è mio (nel caso in cui il pretendente fosse uno scarso)!”;
…”mi fate entrare?” – “Si basta che ne trovi un altro sennò siamo dispari”;
… il n° 1 era il portiere, il n°2 ed il n° 3 i terzini destro e sinistro, il n° 4 il mediano di spinta, il n° 5 lo stopper, il n° 6 il libero, il n° 7 l’ ala destra, il n° 8 una mezzala , il n° 9 il centravanti, il n° 11 l’altra punta possibilmente mancina, il n° 10 la mezzala con la fascia di capitano perchè era inevitabilmente il piu’ bravo;
… perché un giocatore entrasse in nazionale doveva fare una trafila di 2/3 anni ad alto livello;
… quando aprivamo le bustine intonse pregavamo per non trovare triplone o quadriplone PILONI ; il 2 portiere della Juve che non aveva mai giocato una partita per colpa di ZOFF;
… il calcio in Tv lo guardavamo solo la Domenica ed il Mercoledì;
… la Domenica alle 19,30 vedevamo un tempo di una partita di calcio;
… vivevamo in attesa di 90° minuto e ci sentivamo protetti dalle figure paterne di Paolo Valenti, Necco da Napoli, Bubba da Genova, Giannini da Firenze, Vasino da Milano, Castellotti da Torino, Pasini da Bologna, Tonino Carino da Ascoli, Strippoli “riporto” da Bari o Lecce
… la Stock di Trieste è lieta di presentarvi…papapà…papapà .papapapaaaaaa…paparapà ;
… Ciotti :…”scusa Ameri,scusa Ameri….clamoroso al Cibali” (che nella nostra fantasia era piu’ famoso di Catania);
…”tutta la squadra dell’ Internazionale retrocede a protezione dei 16 m” (sempre Ciotti);
… alla DS potevamo vedere i servizi della serie A, i goal della serie B, il Gran Premio, Tennis. Basket e la pallavolo senza doverci sorbire ore di chiacchiere per vedere 4 goal;
… oggi viviamo lontani, ma quando usciamo di casa e giriamo l’angolo speriamo sempre di incontrarci con il pallone in una busta di plastica;

di alessandro tozzi

Postato da: penzogi a 15:51 | link | commenti (7) |

03/02/2007
 

  

CHI L’HA LETTO, DOPO

 

Postato da: penzogi a 18:20 | link | commenti (3) |

02/02/2007
 

  

IO ADERO A

19 febbraio, giornata mondiale della lentezza

 

Io, da parte mia, comincerò fin dalla sera prima. Andrò a letto con andamento lento, cercando d’addormentarmi lentamente ascoltando l’adagio di Albinoni e leggendo…e vinse la tartaruga di Carl Honorè, ed. Sonzogno . Il 19 febbraio cercherò di svegliarmi 10 minuti prima del suono della sveglia e per dieci minuti mi domanderò perchè non ha suonato? Mi alzerò lentamente senza fare il passo più lungo della gamba e lentamente andrò in bagno (magari un leggero scatto per anticipare i miei figli che, quando entrano non escono più, mi obbligano quotidianamente ad essere di corsa fino a sera). Mi preparerò, poi, una tazza di latte bollente in modo da sorseggiarlo lentamente. Uscirò scendendo le scale pian piano, piano dopo piano, per non scivolare sul bagnato come l’ultima volta e aspetterò il tram che certo non avrà fretta d’arrivare (tanto deve far passare il tempo). Non prenderò l’auto per evitare il caos di chi non saprà che giorno è il 19 febbraio. Lentamente arriverò al lavoro pensando ad una buona scusa per il ritardo. L’unico difetto, adesso che ci penso, è che se farò tutto lentamente avrò la sensazione che la giornata sarà lunghissima, al lavoro. In mensa mangerò lentamente e poi pagherò a tutti il caffè (l’ultimo che arriva al distributore automatico paga, è la regola). Nel pomeriggio mi prenderò il tempo per pensare a dove andare in vacanza, a cosa leggere nel weekend, a cosa cucinarmi quando sarò tornato lentamente a casa, perchè Lia si sarà stancata d’aspettarmi. Dopo aver suonato al piano, mi siederò davanti alla televisione tanto lentamente che mia figlia mi chiederà: Che c’è papà, non ti senti bene? Io adero il 19 febbraio, ma non mettetemi fretta.

Postato da: penzogi a 11:08 | link | commenti (9) |

 

  

FINALMENTE UNA BUONA NOTIZIA

«Il livello del mare salirà di 18-59 centimetri entro il 2100»

“Così, d’estate, non saro io che andrò al mare ma sarà il mare che verrà da me” (G.P.©)

 

Postato da: penzogi a 10:23 | link | commenti (5) |

bon ton

  

Pillole di Bon Ton da prendere alla larga e/o durante i pasti.

“Una vera signora non sorride mai sotto i baffi. Altrimenti non è vera”. (Guido Penzo©)

Postato da: penzogi a 09:09 | link | commenti |
comix, copyright, guido penzo

01/02/2007
Comix

  

Pillole di Bon Ton da prendere alla larga e/o dove volete.

“All’osteria, ricordatevi sempre di togliere il cappello dalla sedia prima di sedervi”. (Guido Penzo©)

Postato da: penzogi a 17:48 | link | commenti |
comix, copyright, guido penzo

 

  

 

SARA’, MA IO LA VEDO BUIA!

Postato da: penzogi a 14:54 | link | commenti |

Storie vissute

  

L’eco della notizia è giunto fin su Marte, laddove i marziani si domandano: “C’è intelligenza sulla Terra?”

Ci sono storie che non ci possono lasciare indifferenti, storie che capitano al collo del Capo, storie che fanno annodare lo stomachevole, storie che colpiscono l’immaginario collettivo, storie inverosimili da reality defilippiano, storie che nascono all’improvviso mentre aspetti l’imprevedibile, storie che ti fanno venire la pelle di daino, storie impossibili fino a quando non capitano, o tenente, storie assurde a tempo determinato, storie che non ci credi neanche con i tuoi occhi, figurarsi con gli occhi di un’altra,  storie che lasciano il segno con la punta della spada, storie che ti bloccano sul più bello della pubblicità, storie che ti cambiano il girovita, storie che neanche al cinema le hai viste, storie che hai sempre sognato ad occhi aperti, storie che pagheresti perchè succedano al tuo vicino, storie ma anche geografie o filosofie.

QUANDO SUCCEDE QUELLO CHE E’ SUCCESSO

BISOGNA PRENDERE UNA POSIZIONE,

IO MI SDRAIO, E VOI?

SEDIA?                                                     DIVANO?

  

Intanto la Camera ha approvato quanto ha scritto Veronica Lario con 277 voti favorevoli, 222 contrari e 3 astenuti.

 

Voi cosa ne pensate? Siete favorevoli, contrari o così così alle esternazioni della signora Berlusconi? Se un Berlusconi fosse capitato anche a voi, a chi avreste scritto? Al Corriere dello Sport? Alla Gazzetta? Al telefono rosa? Se è vero che i panni sporchi vanno lavati in famiglia, vi siete mai domandati perchè è sempre lui a sporcare e lei a lavare? Nei suoi panni avreste comperato una taglia più grande?

 

“Silvio mi deve pubbliche scuse”. Ha ragione?

si, ma senza avvicinarsi troppo.
no

 

“Silvio mi deve lasciare più soldi per pane e latte”. Ha ragione?

si
no

 

 

Silvio non doveva comperare Ronaldo. Cosa me ne faccio di due autisti?“. Ha ragione?

si

no

 

 ANSiA 2007-02-01 15:37 Roma – La notizia che Francesco Rutelli stia per scrivere una lettera alla moglie Barbara Palombelli, attraverso le pagine di Topolino, è stata confermata dal cartolaio sotto casa della coppia, dove il Segretario della Margherita si è recato per chiedere carta bianca. Sembra, da fonti ben informate, che il “fusto” della margherita voglia chiedere alla moglie Barbara pubbliche scuse: “Sono anni che la sera mangio scatolette di tonno perchè tu fai tardi ai party e non torni e i panni, poi, sono costretto a rimettermeli sporchi, il giorno dopo,  perchè ti dimentichi sempre di metterli in lavatrice”.

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...