39

commmix

  

“Sono bravissimo a leggere il labbiale, ho solo qualche problema con le figure” (Guido Penzo©)

 

Postato da: penzogi a 13:25 | link | commenti |
comix, copyright, guido penzo

commix

  

“Ho capito che avevo bisogno di un correttore di boze quando mi hanno fatto notare che si scrive con due zeta” (Guido Penzo©)

 

Postato da: penzogi a 11:47 | link | commenti (1) |
comix, copyright, guido penzo

28/02/2007
 

  

C’E’ CHI DICE…IO DICO.

Secondo me la crisi di governo è stato un complotto di Posani e Cornacchione per rinnovare il repertorio. Quì la prova.

 

IO DICO: E’ stato un inverno freddo, ma così freddo che anche le scritte sui muri sono state coperte(Guido Penzo©)

——————————————————————————————————–

“Se metto assieme tutti i post che ho scritto, ne tiro fuori un romanzo postumo?”

 

Postato da: penzogi a 14:34 | link | commenti (2) |
comix, copyright, guido penzo

 

  

NATALE E’ SEMPRE NATALE.

SANREMO, CI DEVO PENSARE!

Non guardate la tele, guardate la tela: chi l’ha vista?

 

«Maya con la bambola» è un dipinto ad olio su tela di cm 73 x 60 realizzata nel 1938 da Picasso. Ritrae la figlia del pittore, Maya, avuta da Marie Thérèse Walter. Ignoti hanno rubato la tela nella casa parigina del nipote dell’artista. La sentite piangere? Che poi a ben guardare o a guardar bene, ricomponendo l’immagine, con un poco d’immaginazione, sfuocando leggermente da lontano…maya non è l’acronimo di Michelle, o sono io che la vedo ovunque? Se volete prendere tempo per pensarci…tic tac, tic tac, tic tac tempo scaduto (la prossima volta controllate l’orario di scadenza). Tic tac è un marchio registrato! MEGLIO UN MARCHIO IN PLAYBACH CHE UNA CANZONE STONATA. Acronimo non è sinonimo di acredine? No, ma a costo di sembrare un qualunque qualunquista, costi quel che costi, per un milione di euri…c’è chi gliela scrive su Repubblica e chi gliela canta al Festival (solo un tranviere non può uscire dai binari)…La Hunziker sa bene che Sanremo è un evento di costume. Solo un dubbio: intero o due pezzi?

 foto Lapresse.

GIA’ CHE SIAMO IN BALLO, BALLANDI.

 

Postato da: penzogi a 13:28 | link | commenti (2) |

24/02/2007
Chissà che tempo…

  

NON VISTO IN TV

 

In un verofaxsimilequale UFFICIO OGGETTI SMARRITI c’è Maurizio Milani che parlando con Fabio…

Ascolta Fabio, pensa che c’è chi ha perso un Boeing 747, che quelli di Malpensa hanno portato all’ufficio oggetti smarriti dopo che per 3 settimane nessuno l’ha ritirato. Quando è arrivato sono scesi tutti, passeggeri e pilota compreso, poi passa oggi, passa domani, nessuno se l’è ripreso. Che se anche arriva il pilota e dice che è suo, deve dire cosa rappresenta il pupazzetto che è attaccato alla chiave d’accensione che è rimasta sul cruscotto dell’aereo, di che colore è la tappezzeria del poggiatesta, quanto vola con un litro…oltre a pagare il posteggiatore abusivo che ha “curato” l’aereo per tre settimane. 

C’è chi ha perso un nonno. L’ha portato qui  un bambino, ma non era il suo, che l’ha trovato ai giardinetti di via Palestro. E’ qui da 5 giorni, è bravo, consuma poco, ogni tanto dice si con la testa, non ha pretese davanti alla tv, è militesente, ha una pensione discreta per quello che ha fatto….per dimostrare che è suo, chi viene a riprenderselo deve dire a) a che età ha fatto il morbillo, b) qual è il suo cantante preferito, c) che numero di scarpe porta, d) come si chiamava la sua prima fidanzata e) varie ed eventuali…Ancora una settimana e poi lo mettiamo all’asta. Non avete idea come fa comodo avere un nonno in casa soprattutto se sia hanno dei nipoti senza patente. Base d’asta 23 euro. Non si può prendere in multiproprietà. 

C’è chi ha perso una torta nuziale. E’ di là in frigo. E’ una torta per 459 invitati, otto piani, condonata a dicembre 2006. Il primo piano è panna parzialmente scremata e parzialmente no, su metà Pan di Spagna e metà Pan Peter (è una stupidata ma mi piaceva). Il secondo piano è una distesa di caramello a vista d’occhio su una crostata di pere e albicocche, il terzo piano è inzuppato d’analcolico per i bambini…in cima ci sono due che fanno finta di baciarsi (per i fotografi). Lei è in abito da sposa leopardato. L’abito da sposa è di Cavalli (è scritto sull’etichetta). Non vale se ci si presenta solo per l’abito da sposa…viene via assieme alla torta. Chi la ritira deve presentarsi con l’invito alla cerimonia e la carta d’identità. O si è lo sposo o la sposa. Si può venire anche senza testimoni, ci crediamo. Se viene il suocero deve avere la delega e il rogito della casa…Non fate poi i pignoli che ne manca un pezzo, della torta, provate voi a stare qui dalle 8 con solo un caffè della macchinetta… 

C’è chi ha perso una fedina penale sporca. C’è l’ha portata la polizia. E’ stata trovata dentro la Banca Popolare di Milano in Corso Sempione. E’ sporca di grasso…grasso di piede di porco. La polizia dice che chi viene a ritirarla entro dieci giorni c’è il domiciliare, poi no. Chi l’ha persa può godere dell’attenuante che gli andava larga. Però deve dimostrare che è sua dicendo dove si trovava il 26 maggio 2005 tra le 23 e le 24 e cosa faceva dentro il Coin il 18 agosto, che il Coin era chiuso. Come ultima cosa deve presentarsi a ritirarla assieme al porco con tre piedi (un piede di porco è stato trovato dentro la banca). 

C’è chi ha perso la carta d’identità di Fabio Fazio. Già si sono presentati in 85 a dire che era la loro…c’è anche un mercato di queste cose qui. Non la possiamo dare al primo che dice di essere Fabio Fazio, bisogna dimostrare d’esserlo, fare vedere il tatuaggio vicino alla caviglia sinistra, descrivere con precisione la cucina della casa di Parigi, fare l’appello della terza liceo. Se anche uno supera questa fase deve poi rispondere al domandone…Fazio, hai qualche domanda da suggerire? 

C’è chi ha perso la bussola, una bussola particolare che non indica il nord ma indica sempre e solo un palazzo di viale Monza 35 a Milano. Nella cantina di questo palazzo il proprietario della bussola ha messo 300 quintali di calamite, in modo che la sua bussola l’indica da qualunque parte di Milano si trovi. E’ un modo per sapere sempre dov’è la casa. Il problema è che è stata persa. Adesso mica si può andare a citofonare a tutti quelli di viale Monza 35, che sono 120 nuclei famigliari, dico compresi, a chiedergli se hanno perso la bussola, che poi loro non sanno che vivono su 300 quintali di calamite. E chi la persa e si presenta deve dimostrare che è sua, per esempio deve dire a che ora la signora del piano di sopra innaffia i fiori e che lavoro fa quella ragazza bionda del quarto piano. 

C’è chi ha perso l’occasione d’oro, 24 carati, una maglia lavorata a coste, leggera che va bene anche d’estate. Un’occasione unica…Per ritirarla bisogna presentarsi con la sabbia dell’ultima spiaggia. Meglio se con lettera di raccomandazione autenticata da un notaio. Bisogna dire di che colore è, dove è stata persa, cosa si è disposti a fare per riaverla. La facciamo vedere solo una volta, perché l’occasione d’oro mica si ripresenta che poi sparisce (l’occasione fa l’uomo ladro). 

Un’ultima cosa: o si viene per il Boeing 747, o per la torta,  o per la carta d’identità di Fazio. Mica siamo a fare il 3 per 2. E’ vero che siamo distanti dal centro, che il tram passa ogni 20 minuti e già che ci sono magari ci provo…Per fax non mandiamo via niente, che è stretto. C’è poi il deposito da pagare. 56 euro al giorno con fattura, senza fattura facciamo 3, al netto delle tasse, intrattabili.

Se uno cerca rogne, non ce le hanno ancora portate, aspettate a venire. 

Alle 18 di domani, Fabio, mettiamo all’asta la rimanenza di un gruppo di turisti giapponesi. Ce ne avevano portati 18 che erano stati trovati in piazza Duomo che giravano intorno da due giorni. Si sono presentate 13 guide che se ne sono presi 15. Adesso ci sono questi 3 che nessuno s’è accorto d’avere perso. Li mettiamo all’asta, vengono via in blocco, non si possono prendere cadauno, perché la finanza non vuole. La base d’asta è libera però il battitore sarà giapponese, così i tre potranno sentirsi come a casa, quindi bisogna presentarsi con un minimo di conoscenze, almeno i numeri giapponesi. Per fare le offerte basta alzare la mano, non il gomito. Subito dopo sarà battuto uno stock di 425.000 orologi a cucù. Sono precisi, dove li metti li metti, stanno bene sul camino. Se non avete il camino? La prossima settimana, se non li ritirano prima, daremo via al miglior offerente 398 camini, in blocco. Gli orologi a cucù tengono compagnia, consumano poco e sono precisi. Se devi prendere una pastiglia, per esempio, punti l’orologio e quando arriva l’ora esce l’uccellino e ti fa cucù. Meglio della sveglietta portatile che hai dentro il cellulare. Pensaci Fabio…(Guido Penzo©) 

 

Postato da: penzogi a 21:45 | link | commenti (9) |
comix, copyright, milani, guido penzo

 

  

CHE TEMPO CHE FARA’ A SANREMO?

 

Da lunedì a mercoledì cielo prevalentemente sereno o poco nuvoloso. Vento da Nord-Ovest tra 10 e 20 nodi in indebolimento a 5/15 da martedì, diverrà variabile inferore a i 15 nodi mercoledì. Mare inizialmente mosso, poi in diminuzione da martedì fino a quasi calmo o poco mosso mercoledì. Temperature minime in lieve calo, tra 3° e 6°, massime in aumento, fino a localmente 17°.

Intanto il brano “Napoleone Azzurro” dei Grandi Animali Marini è già stato pescato in rete…sa và san dir.

 

Postato da: penzogi a 18:28 | link | commenti (2) |

23/02/2007
 

  

CANTAGLIELE

 

PRIMA CHE SIANO LORO A CANTARTELE*

*CANTARTELE: singer m. / f. oppure in gruppo: voce del verbo cantare in televisione. “

Perchè Sanremo è Sanremo è Sanremo è Sanremo! E’ Sanremo?

 

Postato da: penzogi a 14:47 | link | commenti (3) |

 

  

“IO DICO CHE QUESTO GOVERNO NON E’ UN ALBERGO!”

(e quando dico Dico non dico Dico)

Da oggi pasta al ragù per tutti! Chi la vuole al burro…quella è la porta!

Quella è la finestra, quello il divano, quello il telecomando della televisione, mentre da quella scala si sale alle camere da letto…vi prego, non lasciatemi solo.

 

Approvata la ricetta del premier

IL VERTICE – Il vertice dell’Unione a Palazzo Chigi si è concluso poco dopo le 23 con l’approvazione delle 12 condizioni (il condizionale è d’obbligo) di Prodi da parte dei leader dei partiti della coalizione. Il portavoce del premierSilvio Sircana ha sottolineato che si tratta di un «accordo unanime».

LE «12 CONDIZIONI» – Tra le condizioni poste da Prodi c’è «l’indicazione precisa posta dal Capo famiglia sul luogo delle prossime vacanze estive: sarà Riccione (in alternativa a Kabul)». L’ultima è perentoria: «Per assicurare piena efficacia all’azione di Governo, al Presidente del Consiglio è riconosciuta l’autorità di esprimere in maniera autoritaria il posto da prendere a tavola. Prodi capotavola, alla sua sinistra D’Alema, alla sua destra Rutelli e via via gli altri dieci». Sara sempre Prodi a decidere a che ora “puntare” la sveglietta per alzarsi la mattina (Punto 3), chi dovrà andare in bagno per primo (Punto 5), chi dovrà rifare i letti e mettere in ordine la Camera del Consiglio (Punto 6). Particolare attenzione è stata messa nella stesura del Punto 7: chi dovrà gestire il telecomando della televisione. Altri punti dell’accordo riguardano la paghetta settimanale, cercando nuovi fondi tra le pieghe della Finanziaria (Punto 9), a che ora rientrare la sera (Punto 10) e chi potrà usare l’auto blu il sabato sera (Punto 11). Infine il punto a capo che ha rischiato di dividere ancora l’attuale maggioranza. Dopo un ampio dibattito si è concluso che sarà Prodi a decidere il menù, giorno per giorno. “Se non vi piace questa minestra, saltate quella finestra” avrebbe concluso la riunione il Capo Famiglia Prodi.

 

Postato da: penzogi a 09:26 | link | commenti (5) |

22/02/2007
 

  

Proprio adesso…mi sembra fuori luogo…il logo!

Quello che mi domando e dico (si può ancora dire dico?) com’è che prima ne parlavamo male ed adesso li rimpiangiamo? Non tutti…

 

Governo. De Palma: Turigliatto lasci il partito

 

Postato da: penzogi a 15:23 | link | commenti |

 

  

C’E’ CHI DICE CHE, TUTTI DICONO CHE, ANCH’IO DICO (SI PUO’ ANCORA DIRE DICO?) CHE…

E’ l’argomento del giorno, del mese, del semestre. Tutti ne parlano, tutti ne leggono, tutti ne scrivono. Tutti sentono il bisogno di esprimere la loro opinione. La notizià è ormai di dominio pubblico, non si può più far finta di non sapere. C’è chi dice che è giusto, che non si poteva andare avanti così, che non si poteva fare altrimenti. C’è chi s’indigna, chi si mette a pingere, chi ne fa una questione personale. Ormai la notizia è stata data, non si può tornare indietro. Ma non è giusto essere trattati come un gregge d’oche, come un popolo di cantanti in playbach, come una nota da mettere sullo spartito dopo che è già stato spartito. Proprio adesso che si poteva dare un segnale, un batto quattro, una chiave di svolta. Sarà anche vero che Sanremo è Sanremo, che grazie dei fiori, prego, che vola colomba sulla terra dei cachi ma davvero ci speravo che la musica potesse cambiare ed invece…

 

 
Nella foto Baudo e la Hunziker mentre abbracceranno il Ministro Nicolais (foto sotto)
 

 

Postato da: penzogi a 14:23 | link | commenti (3) |

prima o poi tocca (il ferro)

  

 

NON L’AVEVO MAI VISTA SOTTO QUESTO PUNTO DI VISTA (APPUNTO).

Quando la morte verrà

Quando la morte verrà avrò già fatto testamento, ma anche ginocchiopiede e orecchiopancia / Quando la morte verrà avrò indossato l’abito della festa anche se sarà giovedì (se però fosse così gentile da avvisarmi prima, mica posso andare in giro sempre vestito a festa) / Quando la morte verrà l’aspetterò fischiettando quel motivetto che mi piace tanto (non ho ancora deciso quale, può aspettare?) / Quando la morte verrà mi sarò già confessato (tranne quest’ultima bugia) / Quando la morte verrà avrò già dato a Cesare quel che è di Cesare (anche se lui non mi ha ancora dato quello che mi deve) / Quando la morte verrà avrò già fatto pace con i miei vicini (così non penseranno a me quando vedranno il mio fantasma suonare al loro citofono alle tre di notte) / Quando la morte verrà avrò già fatto le dieci cose da fare prima di morire (intanto ci penso) / Quando la morte verrà farò in modo da farmi trovare in buona salute (se non muoio prima) / Quando la morte verrà avrò già disdetto la Telecom (perchè i i figli non paghino i debiti dei padri) / Quando la morte verrà mi sarò fatto la barba (magari non mi riconosce)

Quando la morte verrà…chissà chi governerà (per restare in tema d’attualità).

 

Postato da: penzogi a 11:46 | link | commenti (5) |
copyright, guido penzo

21/02/2007
 

  

MAIL ART(quando ti chiedi: chi si tiene il francobollo della “lettera aperta”?)

 ::: MAIL ART PROJECT :::
10-25 marzo 2007
Inaugurazione sabato 10 marzo ore 17.30
allo Spazio contemporaneo
Sesto San Giovanni

 

Postato da: penzogi a 16:50 | link | commenti |

 

  

NON SEMPRE TUTTO FILA, A VOLTE STROCCA.

La bella lavanderina / che lava i fazzoletti / dei poveretti / della città.

Fai un salto / fanne un altro / fai la giravolta / falla un’altra volta / guarda in su / guarda in giù…

…ohmioddiocosèsuccesso, ma com’è possibile. Cos’è quello schifo? I fazzoletti…i fazzoletti di carta! Chi ha messo i fazzoletti di carta da lavare? E adesso…potevate almeno scrivere su un foglietto di carta che i fazzoletti…no, di carta meglio di no!

Dai un bacio a chi vuoi tu.

Rudolf W. A. Lehmann

 

Postato da: penzogi a 16:23 | link | commenti (3) |

 

  

COMPILANDO UNA PLAYLIST DA VEDERE:

Si è spento il sole, wonderfull Life, la domenica Un’altra domenica come Mis colegas ma senza privatizzare Bersani (altre note prossimamente…)

Tokyo ska YoussouN’dour Sud Sound System Lemon tree Up sidedown don’t worry be happy Turn off the light aguas de marco bella jovanotti spagnolo

A CONTARLI SARANNO…1977.

 

Postato da: penzogi a 15:53 | link | commenti |

 

  

GUARDA CHE TI VIDEO (non di sola televisione) MeTube

Top 10 japanese oltre il top oltre oltre il top e down e hit

ma anche music e MUSIC e Clandestino e Hippo

 

Postato da: penzogi a 14:18 | link | commenti |

Frasi fatte

  

A caldo

“Sono così pigro che preferisco le frasi fatte alle frasi da fare” (Guido Penzo©)

A freddo

“Non tirate acqua al vostro mulino, potrebbe prendersela”(Guido Penzo©)

C’è del genio in tv!

Tutto il mondo è India e India

 

Postato da: penzogi a 11:51 | link | commenti |
comix, copyright, guido penzo

18/02/2007
 

  

Da ri/leggere lenta/mente (legger/mente ri/lenta)…

IO RiADERO A

19 febbraio, giornata mondiale della lentezza

 

 

Io, da parte mia, comincerò fin dalla sera prima. Andrò a letto con andamento lento, cercando d’addormentarmi lentamente ascoltando l’adagio di Albinoni e leggendo…e vinse la tartaruga di Carl Honorè, ed. Sonzogno . Il 19 febbraio cercherò di svegliarmi 10 minuti prima del suono della sveglia e per dieci minuti mi domanderò perchè non ha suonato? Mi alzerò lentamente senza fare il passo più lungo della gamba e lentamente andrò in bagno (magari un leggero scatto per anticipare i miei figli che, quando entrano non escono più, mi obbligano quotidianamente ad essere di corsa fino a sera). Mi preparerò, poi, una tazza di latte bollente in modo da sorseggiarlo lentamente. Uscirò scendendo le scale pian piano, piano dopo piano, per non scivolare sul bagnato come l’ultima volta e aspetterò il tram che certo non avrà fretta d’arrivare (tanto deve far passare il tempo). Non prenderò l’auto per evitare il caos di chi non saprà che giorno è il 19 febbraio. Lentamente arriverò al lavoro pensando ad una buona scusa per il ritardo. L’unico difetto, adesso che ci penso, è che se farò tutto lentamente avrò la sensazione che la giornata sarà lunghissima, al lavoro. In mensa mangerò lentamente e poi pagherò a tutti il caffè (l’ultimo che arriva al distributore automatico paga, è la regola). Nel pomeriggio mi prenderò il tempo per pensare a dove andare in vacanza, a cosa leggere nel weekend, a cosa cucinarmi quando sarò tornato lentamente a casa, perchè Lia si sarà stancata d’aspettarmi. Dopo aver suonato al piano, mi siederò davanti alla televisione tanto lentamente che mia figlia mi chiederà: Che c’è papà, non ti senti bene? Io adero il 19 febbraio, ma non mettetemi fretta.

 

 

 

Postato da: penzogi a 21:56 | link | commenti (5) |

 

 

 

  

 

I PROGRAMMI AL TEMPO DEL BIPOLARISMO PIU’ UNO.

 

L’Ulivo ha un programma.

 

La Casa delle Libertà ha un programma.

 

Io ho un programma.

 

Chef per un giornoLo guardo la domenica alle 13 su La 7.

 

 

 

Postato da: penzogi a 21:52 | link | commenti (1) |

 

commix

 

  

 

Quante storie…

 

“la fata turchina…perchè è originaria della Turchia” (GuidoPenzo©)

 

 

 

Postato da: penzogi a 19:25 | link | commenti (3) |
comix, copyright, guido penzo

Capisco che il viaggio mette sete…

“Tutti si chiedono se c’è acqua su Marte. Io mi chiedo: ci sono panini su Marte?” (Guido Penzo©)

(i marziani si nutrono di marzapane?)

 

Postato da: penzogi a 15:30 | link | commenti (3) |

17/02/2007
comix

  

DELLE DUE:

a) “Non sopporto sciogliere i nodi alla marinara, perchè mi rimane addosso, per tutto il giorno, l’odore di aglio e origano!” (Guido Penzo©)

 

Postato da: penzogi a 15:17 | link | commenti |
comix, copyright, guido penzo

16/02/2007
 

  

I 4 GIORNI CHE SCONVOLSERO IL MONDO…L’ITALIA…DEL NORD…LA MIA ZONA…IL MIO PALAZZO…

I 4 GIORNI CHE MI FANNO DORMIRE UN POCO AGITATO!

Ho il fazzoletto pieno di nodi, dove mi soffio il naso? Oggi, 16 febbraio, m’illumino di meno. Il 17 febbraio Già si mostra a Milano. Il 18 febbraio si festeggia il Capodanno cinese. Il 19 febbraio è la giornata mondiale della lentezza, per me una giornata come tutte le altre. Quindi devo ricordarmi (facendo un altro nodo) di spegnere ogni cosa (è) illuminata che mi circonda, vestirmi di rosso e portar fuori il drago che tengo in salotto, cercare via Nirone 1…il tutto molto lentamente.

Domenticavo (non ricordo con quale nodo al fazzoletto dovevo ricordarmelo): si entra nell’anno del maiale, esclusi i presenti.

maiale

 

Postato da: penzogi a 13:43 | link | commenti (2) |

 

  

RICORDATEVI DI SPEGNERE LA LUCE

DELLA RIBALTA SU QUELLO CHE NON VOLETE VEDERE

In occasione dell’anniversarioIl logo dell'iniziativa di quello che è stato scritto sul foglio di protocollo di Kyoto (auguri Kyoto), ed in ottemperanza alle regole stilate dai conduttori del Catepillar di Radio 2, ricordatevi alle 18 (ora più ora meno, giorno più giorno meno, anno più anno meno) di spegnere le luci su tutto ciò che è meglio non venga alla luce. Spegnete le luci sulle dichiarazioni di Bertinotti sulla manifestazione di Vicenza (un alibi prima del delitto?), sulla nuova lite che vede tirarsi per i capelli Mara e Luxuria, sul nuovo “guarda che ti video” scolastico (spegnete anche tutte le luci rosse accese fuori da una camera oscura). Spegnete i riflettori degli stadi perchè tutto non ritorni come prima…già tornato? In somma ci siamo capiti…

poteva evitare lo sponsor? Anche perchè non è chiaro se “il mondo è nelle nostre mani, di noi” o “nelle mani di ENI“. Ma soprattutto, se lo riordino, quando me lo consegnano?<!–

–>

 

 

Postato da: penzogi a 09:34 | link | commenti |

 

15/02/2007

 

 

 

  

 

 

 

 

Postato da: penzogi a 10:57 | link | commenti (5) |

 

 

 

  

 

 

“La prima volta che ho giocato con i soldatini, quand’ero piccolo, hanno vinto i soldatini.” (Guido Penzo©)

 

 

 

Postato da: penzogi a 10:17 | link | commenti |
comix, copyright, guido penzo

 

14/02/2007

 

 

 

  

 

CARTA CANTA IN PLAYBACH PERCHE’ LA SVEGLIA NON SUONA.

 

Un libro al giorno fa crescere soprattutto se lo si mette sotto i piedi quando ci si misura l’altezza.

 

 

 

 

 

L’autobiografia non autorizzata di Sam Spade, alias Alfonso Pisani. (la storia di Alfonso Pisani raccontata a se stesso, quando non riesce a prendere sonno).

 

 

 

Chi era veramente Alfonso Pisani, al di là degli innumerevoli ritratti e/o autoritratti o paesaggi, più o meno astratti, che ne sono stati fatti nel corso dei secoli dei secoli, nella fisicità di uomo semplice, ma non per questo complesso (tipo Rolling Stones)? E cosa è successo dopo la tragicomica giornata che ne ha segnato la vita (il giorno della nascita)? Cosa ha fatto davvero per meritare quel voto in latino (“Tutti dicono che il latino è una lingua morta, ma nessuno indaga per scoprire chi è stato” autocit.)? In quale rapporto era con i vicini di casa del piano di sopra? Sono alcune delle domande che si sono posti, a pagamento, nel corso dei millenni tante donne e tanti uomini e tanti altri ancora prima che Alfonso Pisani avesse conoscenza di se, a queste domande cerca di rispondere il concorrente del telequiz in onda su onda, noto programma tv. E’ solo un escamocottage, quello televisivo, per farle vedere a tutti. Per parlare del bene e del mare e delle vacanze in montagna. Per indicare la retta via e quella in curva, la seconda a destra dopo la piazza  rotonda con il bar ad angolo. Per mettere le cose a posto dopo averne preso le misure (tanto sono gratis). Verità o finzione? Autobiografismo o antropomorfismo? Sotto o sopra? Small o XL? Essere ancora ancorati alla realtà o navigare per sentito dire? Com’è possibile che il Falcone Maltese abbia preso il volo? Sam Spade, alias Alfonso Pisani indaga…del futuro non v’è certezza (per sentito dire).

 

 

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...