24

12/05/2008
dissociatamente

  

“MI DISSOCIO”

De Lirica delicatamente dedicata

DenuCLEARizzata / Decrescente luna o l’altra / Desnuda maya la cerata / DeluDente, desolata ma non pentita / Decentrata apparentemente / De ambulante egocentricamente innamorata / Deacclamata con voce alata / Decadente per dente…deficiente.

 

Postato da: penzogi a 11:39 | link | commenti (7) |

09/05/2008
 

  

copertinapiccola1

 

 

 

Librizionario

 Grazie a  

 

Postato da: penzogi a 15:39 | link | commenti |

08/05/2008
credenze popolari.

  

SE E SOLO SE.

“Se vi raccontano che ho vinto al Superenalotto e sono fuggito in Sud America con una bionda, non credetegli.

Era ossigenata.” (Guido Penzo©)

 

Postato da: penzogi a 16:01 | link | commenti (5) |
citazioni, comix, guido penzo

Chi è venuto prima?

  

“Ho visto una gallina correre per arrivare prima dell’uovo.” (Guido Penzo©)

<!–

–>

 

Postato da: penzogi a 12:22 | link | commenti (5) |
citazioni, comix, guido penzo

06/05/2008
 

  

La mia prima volta alla Fiera del Libro di Torino…

 
 

copertinapiccola1

 

Librizionario

Grazie a  

 

Postato da: penzogi a 17:03 | link | commenti (4) |
vocabolario, guido penzo

c’è Taceo?

  

CONTRIBUENDO

 

BALENARE: Quando, in un lampo, ti arriva addosso una balena.

 

ACCOMODARSI: Concedersi alla figlia del dottore  nella città lariana.

 

SALUTISTA: Ciao, ciao, ciao, ciao, ciao…ciao………….ciao.

 

PASSATEMPO: Guardare il tempo che passa.

 

TRADOTTA: Mezzo di trasporto per stranieri.

 

INCONSULTO: Luogo in cui si trova chi si fa negare al telefono: “Sono inconsulto”.

 

TRANSLOCO: (Spagn.) Pazzo d’amore per l’altro sesso. L’altro ancora.

 

CANGURU: Cane saggio che viene consultato da altri cani per avere dei consigli.

 

PESCA DI FRODO: Frutto a forma di anello con polpa gialla, coltivato dagli Hobbit, che può venire colto solo di nascosto.

 

FACT TOTUM: Persona informata sui fatti di tutti.

 

 

Postato da: penzogi a 10:30 | link | commenti |
citazioni, vocabolario, comix, guido penzo

05/05/2008
Averne titolo

  

“La pace interiore del Dalai Lama spiegata al Ku Klux Klan, mi sembra un ottimo titolo per un romanzo di cappa e spada.” (Guido Penzo©)

 

Postato da: penzogi a 10:35 | link | commenti |
citazioni, comix, guido penzo

Corsi e rincorsi.

  

Dice che bisogna riscrivere la storia…comincio io.

“La guerra fredda tra russi ed americani cessò quando fu inventato il forno a microonde” (Guido Penzo©)

 

Postato da: penzogi a 10:22 | link | commenti |
citazioni, comix, guido penzo

29/04/2008
Dicerie

  

 Quando non so cosa dire non dico, per dire.

Nel mezzo del camino di nostra villa mi ritrovai in una fuliggine scura che…poi svenni. A dir casa…svenni. Svenni una terza volta, ma questa svolta avevo telefonato, mi aspettavano. Anch’io mi aspettavo. A ndammo, Bi venimmo, Ci incontrammo sull’uscio d’entrata. Telefonare era stata una buona idea, me ne ricorderò la prossima volta che devo fare un regalo. Facemmo le presentazioni (present: regalo, in inglese). Alzando la mano presi la parola, per dire. “Io sono colui che viene”. Poi diedi la parola al mio vicino che, alzando la cresta, si mise ad urlare: “La parola data è data, indipendentemente dalla data. Datato chi ha dato, avuto chi ha avuto, effimero il passato, femminea la passata, fulmineo il lampo” tuonò. Subito si accese un parapiglia di paglia per scaldare gli animi. Chi le dava di qua, chi le prendeva di la, chi non riusciva a concludere nulla non potendo essere in due parti contemporaneamente. Chi faceva acqua, chi mulinava mulini, chi faceva buon viso a cattivo giogo, chi anche. I vicini si allontanarono, i lontani va bene così, qualcuno chiamò i vigili che s’erano distratti. Quello con la faccia da facinoroso fu messo in gatta buia. Un altro fu fatto accomodare a Como. Ad un terzo, con la faccia di bronzo, fu data una medaglia con una faccia sola. Il Quarto prese il nome dall’amena isola. Cera per tutti e tutti per terra. Stanchi ma sfiniti, senza forno, sforniti, appagati e felici d’aver convissuto un momento epico. Un solo rammarico: averlo fatto durante l’intervallo. Ma ormai non ci sono più le lotte in classe di una volta…

 

Postato da: penzogi a 13:34 | link | commenti (8) |

28/04/2008
 

  

Chi vuole giocare metta il dito sotto il palmo della mia mano…

Chi, invece, vuole inventare e “costruire” un gioco può partecipare al Premio Archimede 2008, organizzato da Studiogiochi. Quale miglior occasione per poter dire: “Il gioco è mio e decido io chi gioca!”.

Perchè il gioco è una cosa seria, per persone poco serie (non di serie).

 

Postato da: penzogi a 16:32 | link | commenti |

 

  

CONTRIBUENDO A:

INCASTONATO: Incavolato escluso dal concorso canoro di San Cuzco.

TOURPILOQUIO: Andare in giro a dire parolacce.

 

Postato da: penzogi a 10:16 | link | commenti (2) |

25/04/2008
 

  

Girando a destra e a manca, che non c’era, mi sono abbattuto, alla fine, su un termine curioso. Non potete immaginare quanto ampia fosse la sua curiosità. Mi ha salvato la capacità, o capienza, di dare risposte a casoUna, in particolare, l’ha colpito. Ma questo non lo sottolineo. Il termine, infine, è:

UCRONIA

 

Nei prossimi giorni approfonderò…

 

“L’ucronia è il mondo del “se”: se le cose fossero andate diversamente, se questo evento si fosse verificato, se fosse stata presa una decisione diversa… A quali conseguente avrebbe portato, cosa sarebbe cambiato della nostra vita? Soprattutto: cosa sarebbe cambiato nella storia? Il fascino di un mondo sottilmente diverso da quello reale, ma possibile, terribilmente possibile, se solo si fosse verificato “quel” piccolo scarto iniziale che ha fatto la differenza, è alla base di molta narrativa attuale. Ucronia (dal greco, “in nessun tempo”) si differenzia da utopia, l’immaginazione di un luogo e di un tempo in cui si realizzano i sogni di perfezione dell’uomo, ma soprattutto si differenzia da distopia, l’utopia alla rovescia, dove ad essere immaginato è un futuro in cui si realizzano i peggiori timori dell’uomo. La più nota distopia, infatti, è rappresentata da 1984 di Orwell, dove le libertà umane sono cancellate da un totalitarismo violento e perverso, l’occhio indiscreto del “Grande Fratello” perseguita ogni individuo nella vita privata, fino a indagare nel suo pensiero.
A differenza della distopia, l’ucronia ha un contenuto persino ottimistico: il fascino di un mondo possibile lascia intravedere altre possibilità che invece la cruda realtà porterebbe a precludere. Ma, soprattutto, l’ucronia è più vicina a noi – è la forma di fantascienza più vicina all’oggi – al punto da confondersi con una realtà parallela. Il romanzo ucronico è forse la forma più avanzata della fantascienza, quella più adatta al nostro tempo; l’evoluzione stessa della narrativa contemporanea.
La sua origine è recente: si può far risalire al testo cult di Philip K. Dick, La svastica sul sole (1962, riedito da Fanucci nel 2005), dove è preconizzato un dopoguerra sotto la dominazione nazista. Autori come Kim Stanley Robin­son (Gli anni del riso e del sale, Newton Compton, 2007), Sophia McDougall (Romanitas, Newton Compton, 2005), assieme agli italiani Mario Farneti (Nuovo impero d’Occidente, Tea, 2006), Giampietro Stocco (Nero italiano, Frilli, 2003; Dea del caos, Frilli, 2005), Massimo Mongai (Il fascio sulle stelle, Robin, 2005), Francesco Dessolis (Ingannare il tempo, Il Melograno, 2007), Pierfrancesco Prosperi (La moschea di San Marco, Bietti, 2007) e Gianfranco de Turris, curatore dell’antologia Se l’Italia (Vallecchi, 2005), raccontano gli incubi di un mondo possi­bile, che si nasconde sotto i fragili equilibri esistenziali e politici del pre­sente.
Spesso i temi più frequentati sono proprio quelli legati al recente passato (il nazismo in Dick, il fascismo in Stocco, l’integralismo islamico in Prosperi), proprio perché si prestano meglio a dipingere con altre sfumature le problematiche del presente. Lo ammetto: non sono riuscito a sottrarmi al fascino dell’ucronia. Dopo Istanbul Bound, dove raccontavo la storia di un’isola che non c’è, in cui si frantumano i sogni di un adolescente al suo primo imbarco alla fine degli anni Trenta, ho scritto un romanzo ucronico: Il cuoco di Mussolini, dove il giovane protagonista, un sedicenne, incontra Mussolini nell’agosto del ’44 nella campagna lucchese, a ridosso della Linea gotica. Un fatto storicamente mai avvenuto, ma “possibile”, con tutte le conseguenze che il caso avrebbe potuto generare. In fondo, tutta la letteratura fantastica contiene qualcosa di “ucronico”, di ciò che non c’è in realtà, ma potrebbe esserci stato. È la forza della fantasia, capace di creare dal nulla, da un’ipotesi completamente astratta.” (
http://www.micromegas.splinder.com/ 21/3/2008)

 

Per capirci, ecco una domanda ucronica…che comincia con “se”:

 

Se a poker vinco 10 mani, posso tenerle tutte o devo restituirne qualcuna?” (Guido Penzo©)

 

Approfondo…

 

 

 

Postato da: penzogi a 09:26 | link | commenti (3) |
ucronia

 

24/04/2008

 

inglisc

 

  

 

don’t try this at school

 

“Book…teacher…pen…il mio è un inglese scolastico” (Guido Penzo©)

 

 

 

Postato da: penzogi a 10:59 | link | commenti (2) |
citazioni, comix, guido penzo

 

mo dididi re

 

  

 

don’t try this at home!

 

“L’ultima volta che qualcuno si è messo nei miei panni,

 

non me li ha più restituiti” (Guido Penzo©)

 

 

 

Postato da: penzogi a 09:10 | link | commenti |
citazioni, comix, guido penzo

 

23/04/2008

 

 

 

  

 

 

 

Per saper leggere e scrivere (e sorridere): LIBRIZIONARIO 2.0 e librizionario 3.0

 

 

 

Postato da: penzogi a 11:00 | link | commenti (5) |

 

fame di fama.

 

  

 

 

 

“Ho capito d’essere famoso

 

quando mi hanno scambiato

 

per uno che non conoscevo” (Guido Penzo©)

 

 

 

Postato da: penzogi a 10:14 | link | commenti |
citazioni, comix, guido penzo

 

22/04/2008

 

 

 

  

 

e-citazione

 

“Disapprovo quello che dici, ma difenderò fino alla morte il tuo diritto di cambiare idea.”

 

 (Guido Penzo©)

 

 

 

Postato da: penzogi a 13:12 | link | commenti (3) |
citazioni, aforismo, comix, guido penzo

 

 

 

  

 

DA PICCOLO

 

 

 

“La prima volta che ho giocato con i soldatini, hanno vinto i soldatini” (Guido Penzo©)

 

 

 

 

 

Postato da: penzogi a 10:52 | link | commenti (6) |

 

21/04/2008

 

moDIDIDIre

 

  

 

“Non mi danno fastidio le zampe di gallina sotto gli occhi, ma quando mi becca in testa” (Guido Penzo©)

 

 

 

Postato da: penzogi a 11:30 | link | commenti (5) |
citazioni, comix, guido penzo

 

Un po’litica

 

  

 

MODIDIDIRE

 

“Una ronda non fa primavera”

 

 

 

Postato da: penzogi a 10:50 | link | commenti (1) |
citazioni, guido penzo

 

18/04/2008

 

 

 

  

 

 

 

 

 

Postato da: penzogi a 16:33 | link | commenti (2) |

 

17/04/2008

 

 

 

  

 

ROCK AROUND THE DOOMSDAY CLOCK

 

5 minuti alla mezzanotte (non controllate, è un modo di dire)

 

 

 

 IT IS 5 MINUTES TO MIDNIGHT
17 aprile 2007 — The world stands at the brink of a third Berluscon age. Climate change also presents a dire challenge to humanity. Damage to ecosystems is already taking place; flooding, destructive storms, increased drought, and polar ice melt are causing loss of life and property. Inter e Lazio pareggiano al Meazza di Milano…Quando pensi che sia troppo tardi per pensarci, quando pensi che sia tutto inutile ma non sai in quale contenitore differenziato buttarlo, quando pensi che sia giunto il tuo momento ma non ci sei, quando pensi che non sei l’unico a sbagliare ma sbagli a farlo notare, quando pensi che se lo sapevi ti accusano di aver copiato la risposta, quando pensi che in certe situazioni bisogna aver sangue freddo ma non vuoi morire per dimostrarlo, quando pensi che tanto è la solita storia ma poi ti interrogano in geografia, quando pensi che il voto unutile poteva diventare utile per qualcun’altro, quando pensi che se ci pensavi un secondo di meno prendevi il desiderato tram al volo, quando pensi che non c’è più religione ma neanche comunismo, quando pensi che solo un Supereroe possa salvarci…pensi a Rat-Man (almeno, penso).

 

 

 

 

 

Postato da: penzogi a 16:52 | link | commenti (4) |

 

16/04/2008

 

 

 

  

 

Libere parole in libero stato confusionale

 

(in tandem con Tandream)

 

Non bisogna comunque rimandare il domani al domani che sennò poi diventa dopodomani e ancora, in acqua galleggiare rimanere fermi ancorati, se non addirittura accuorati come se fossimo pieni d’acqua che quando galleggia batte in aria come ali in tempesta, come capelli, come tener testa ad un calvo dai capelli lunghissimi. Ecco homo. Ecce? Eccetera. Ecco donna, io ti chiamerei per nome, ma il tuo nome sarebbe come sale alla mia bocca, manteniamo la dolcezza dell’anonimato, oppure quello del nonnimato? Io sono anche nipote e figlio, Sono stato perfino cugino di terzo grado, ma ustionato fortissimo. Bisogna curare le piaghe, stirare le pieghe e anche le donne. Non avete mai stirato una donna? Basta usare il vostro ferro ben caldo, non a vapore, diciamo attrazione. E’ scrivere nel segno che è difficile, così come lasciarlo. Eppur ricordo che tra amico e amaca v’è solo poca differenza, la seconda dondola il primo forse danza e il terzo è sicuramente quello che gode e chi sta solo a guardare commette steccato? Come se supino è chi dormendo su figli non si riposa. Pino. Betulle. E Rosa Maria in Fiore. Sbocciata a maggio ma rimandata a settembre. Sboccata come brocca che trabocca e tradente il fedele compagno di nota Fede (Confalonieri). Ex voto senza miracolo, svenduto al mercato dei voti per due exitpol d’allevamento senz’ali e senz’alibi. Corsari in una vita di corsa. Una corsa per la vita senza borsa in cui giocare. Corrieri di mattina, Corriere della Sera, corriere prese al volo mentre s’impennano in punta di penna. Banderuola sventolata sul pennone punta fine, alla fine senza un fine. Detto fatto, si cerca chi si è spacciato per spacciatore di compresse in pillole di vita immaginata, in compagnia dell’Anello debole della catena montagnosa Russa, rossa di sera ma bianca alla luce pallida della luna di traverso. Non ci resta che ridere…seriamente.

 

 

 

Postato da: penzogi a 12:58 | link | commenti (2) |

 

un po’litica e un po’ anche.

 

  

 

Buttarla in caciara? Ma poi chi va a riprenderla?

 

“E’ tramontato l’arcobaleno / chi l’ha tramontato sei tu “.

 

Non rimangono che le strofe anonime di una nota canzonetta. E’ tramontato l’arcobaleno, tra i monti e Tremonti, tra le ceneri dell’urne e lo spoglio che ci ha resi nudi. Nudi alla meta, anzi, molto meno della metà. “Siamo rimasti al verde” intonano i vincitori, siamo rimasti al palo della lap, rimpiangono i perdenti. Lasciate passare chi viene da destra, s’intona sulla passerella, col doppiopetto in fuori…almeno ci sarà da ridere, nulla da ridire. Fate largo all’Imperatore ma dedicate una via a chi se ne va, triste e solitario y final. Domani è un’altro giorno, lapalissiana consolazione, ma senza sol dell’avvenire e senza arcobaleno né bianco né nero. Oddio, odio gli addii più del risi e bisi, odio svendere un sogno irrealizzato al peggior offerente, odio l’odio sostanzialmente. Hasta la victoria siempre…ma cosa me ne faccio dell’asta senza victoria e senza bandiera? Lode ai vincitori, ma che l’ode non la scriva Apicella…mentre a Roma girano ancora, al ballottaggio!

 

E tu, lo vedi l’arcobaleno in questa fotografia dell’Italia?

 

 

 

(foto di Giacomo Rizzo)

 

 

 

Postato da: penzogi a 10:53 | link | commenti (3) |
citazioni, guido penzo

 

15/04/2008

 

Il giorno dopo.

 

  

 

Se Chuck Norris

 

“Quando il diavolo si arrabbia ha un Chuck Norris per capello” (Guido Penzo©)

 

“Chuck Norris non fa mai buchi nell’acqua, altrimenti gli Oceani si sgonfierebbero” (Guido Penzo©)

 

 

 

“Anche quando è stanco Chuck Norris non schiaccia mai un pisolo. Casomai tutti i sette nani assieme”.(Guido Penzo©)

 

“Chuck Norris si è fatto tatuare sul petto il nome del suo eroe preferito: Chuck Norris.” (Guido Penzo©)

 

 

 

Postato da: penzogi a 12:36 | link | commenti (5) |
citazioni, comix, guido penzo

 

deFINizione

 

  

 

siamo alla definizione.

 

RIGENERARSI: Sposare una o più sorelle della moglie.

 

Questa è l’unica cosa che riesco a scrivere, pensando al Vocaboilare.

 

 

 

Postato da: penzogi a 10:46 | link | commenti |
vocabolario, comix, guido penzo

 

14/04/2008

 

 

 

  

 

BOOKSWEB.TV E’ MEDIA PARTNER ALLA FIERA DEL LIBRO DI TORINO.

 

 

 

Dall’8 al 12 maggio Booksweb.tv sarà la web tv ufficiale della

 

Fiera Internazionale del Libro di Torino.

 

 

 

Per l’occasione il LiBRiZiONARiO, nato grazie alla straordinaria partecipazione, diventerà un libro di carta, stampato e distribuito gratuitamente in fiera. Tutti i [bravissimi] partecipanti che ci verranno a trovare potranno perciò  ricevere la propria meritata copia…

 

Ecco un buon motivo per andare a Torino e portarMEne una copia/originale.

 

 

 

 

 

Postato da: penzogi a 13:21 | link | commenti |

 

Fu nereo Rocco

 

  

 

“Prima dell’esecuzione ho fumato l’ultima sigaretta del condannato.

 

Il condannato s’è arrabbiato” (Guido Penzo©)

 

segue confessione poetica, senz’etica .

 

Ho tante cose da dire / Ho tante cose da svelare / Ma prima di partire / Voglio qualcosa da mangiare / Voglio dei crostini al salmone / Voglio una fetta di salame.

 

  

 

Pasta, riso e ancora pasta / Carne pesce e verdure / Voglio una donna che non sia casta / Voglio ingozzarmi di fritture / Poi se c’è una fetta di panettone / Con due uova al tegame.

 

 

 

Solo quando sarò satollo / Potrò fare piena confessione / L’ho affogato durante l’ammollo / L’ho ucciso io quel cafone / Ora sono pronto alla vostra vendetta / Fatemi solo fumare l’ultima sigaretta.

 

 

 

Postato da: penzogi a 10:58 | link | commenti (2) |
citazioni, poesia, comix, guido penzo

 

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...