21

11/09/2008
la fine è nota.

  

LA FINE DEL MONDO

“Il giorno che ci sarà la fine del mondo vorrei essere presente, per poter dire: Io c’ero” (Guido Penzo©)

 

Postato da: penzogi a 09:45 | link | commenti (1) |
citazioni, comix, copyright, guido penzo

10/09/2008
 

  

 

 

Postato da: penzogi a 13:23 | link | commenti (9) |

tre per due

  

“Garibaldi, a Milano, è una stazione della metropolitana. Per il resto dell’Italia è l’eroe dei due mondi. Chissà perchè, i suoi genitori, hanno sentito il bisogno di chiamarlo come una stazione del metrò”.

COMIX

“L’ultima volta che ho marinato la scuola, se ne sono accorti perchè avevo messo troppo aglio” (Guido Penzo©)

PER MODO DI DIRE

“D’inverno, quando fa buio presto, vado adormire con le galline, ma in letti separati!” (Guido Penzo©)

 

Postato da: penzogi a 10:20 | link | commenti (4) |
citazioni, comix, guido penzo

09/09/2008
macchina del tempo

  

LA MACCHINA DEL TEMPO

AL TEMPO

DELLE MACCHINE

Pro verbiale

“Con la mia macchina del tempo posso viaggiare dal presente al futuro, ritornare al passato, muovermi nel trapassato remoto, visitare il congiuntivo, camminare per il gerundio e tornare, all’infinito” (Guido Penzo©)

Temporale in temporeale

Tra le occasioni troverai vari modelli di macchina del tempo. Non t’ingannare, non è nel tempo che potrai viaggiare, ma il tempo atmosferico potrai, ad umore, cambiare. Potrai fare il bello e cattivo tempo: sereno, se sereno sarai, o per un nonnulla ti rannuvolerai, pioggia o vento a scelta, tuoni e fulmini e acqua con o senza catinelle o cielo pieno di pecorelle da contare quando non sai cosa cantare(Guido Penzo©)

 

Postato da: penzogi a 16:44 | link | commenti (6) |
citazioni, copyright, guido penzo

08/09/2008
 

  

Settembre nero? Penso positivo.

“L’ottimista vede tutto rosa anche con gli occhiali da sole” (Guido Penzo©)

 

Postato da: penzogi a 09:34 | link | commenti (6) |
citazioni, comix, guido penzo

05/09/2008
 

  

MEMENTO MORI…O BIONDI

Se avete un calendario sotto mano, ma anche appeso al muro va bene lo stesso, annotatevi questo appunto: ricordati che devi morire. Dove “devi morire” è da intendersi “forse”. Quando? Il 10 settembre, giovedì prossimo, Santa Pulcheria (secondo il mio calendario). Due giorni prima di San Guido un buco nero creato artificialmente dal grande acceleratore di particelle Lhc (Large hadron collider) del Cern, il laboratorio internazionale di fisica di Ginevra, comincerà a far girare nel suo anello di 27 chilometri i primi fasci di protoni, accelerandoli alle velocità del big bang primordiale, per poi farli collidere tra loro, in urti frontali capaci di spezzarli, e quindi di rivelare che cosa c’è al loro interno, forse il segreto della gravitazione e persino di altre dimensioni. Secondo Otto Rossler, chimico tedesco, si potranno creare dei piccoli buchi neri, difficili da schiacciare, che potranno risucchiare tutto il pianeta. Detto questo, quanto prima, indicherò un tot di cose da fare prima di morire. Non posso dire il numero preciso perchè…porta male. Intanto evitate di morire prima!

 

 

 

 

 

 

Postato da: penzogi a 17:16 | link | commenti (7) |

Quando ci sono tanti gradi.

  

COSE CHE CAPITANO, IN GENERALE…CAPORALE.

“Quando faccio il saggio di fine anno, tutti si mettono in fila per chiedermi consigli per il futuro” (Guido Penzo©)

“Grazie alla chirurgia plastica, ci sono delle bottiglie in PET da due litri che possono contenere fino a tre litri d’acqua” (Guido Penzo©)

 

Postato da: penzogi a 10:17 | link | commenti |
citazioni, comix, guido penzo

04/09/2008
 

  

HO FATTO UN GIRINO PER LA CAMPAGNA, OGM.

Ho visto una rana saltare in un alluminio. Non ci sono più gli stagni di una volta.

STILE LIBERO

Ho visto una rana nuotare a farfalla.

NON SI VIVE DI SOLO PESCE

Ho visto una rana pescatrice darsi alla caccia.

NON LA SOLITA CROCIATA

Ho visto una rana messa in croce, senza messa.

 

Macchianera Blog Awards 2008

 

Come si fa? Fino al 5 settembre cliccando qui, potete segnalarMi, Nome del Blog: Ioguido Indirizzo del Blog: http://ioguido.splinder.com. Categoria: a Vostro piacere, a me piace Blog Rivelazione (la rivelazione alla fine)

 

Postato da: penzogi a 17:30 | link | commenti (4) |

 

  

CHE TEMPO CHE HA FATTO?

 

“Non ho tempo. Per questo lo guardo passare, è il mio passatempo. L’aspetto da solo nella sala di bell’aspetto che ripassi, che torni indietro sui suoi passi. Ma il tempo è ormai passato, a volte remoto, lontano nel tempo. Il tempo è infinitesimale, piccolo, minuto, secondo a nessuno. Il tempo c’era prima della notte dei tempi, quando nessuno ancora si chiedeva: che tempo che fa, a che ora? Ti accorgi della sua presenza solo quando è già trascorso e trapassato, e non puoi fermarlo. Per quanto corri non riesci mai a precorrerlo. Ogni cosa ha il suo tempo e tu il tuo: nasci, cresi, muori, tocchi ferro. Il tempo è così. Quando va bene è e sei sereno, quando va male è temporale, come il potere. Ma il mio tempo è scaduto e in frigorifero non ce n’è dell’altro. Solo il tempo di un consiglio d’Egitto: se un giorno viaggerete nel tempo portatevi una ventiquattrore”.

 

Postato da: penzogi a 14:00 | link | commenti |

02/09/2008
 

  

HO AVUTO UNA TELE VISIONE

Ci sono giorni, ma anche pomeriggi e sere che, pur sapendo leggere e scrivere, guardo la televisione. La guardo per delle ore prima di decidermi ad accenderla. Solo dopo che l’ho accesa capisco la mia indecisione. Vorrei essere dentro quella scatola, vivere nel suo plasma, muovermi tra veline, ballerine, amiche di Maria e di Maurizio. Entrare ed uscire dai consigli per gli acquisti di oggetti che non sapevo di desiderare. Vorrei bussare porta a porta ed entrare nei salotti degli italiani. Vorrei salutare con la manina, chiedere un aiutino, aprire un pacco, accenderla. Vorrei essere teleraccomandato ed intercettato, per avere molto ascolto. Vorrei che il mio vicino di casa mi vedesse in Tv mentre mi faccio gli affari suoi. Vorrei dare la linea al telegiornale. Vorrei entrare ed uscire da  uno Studio Aperto. Vorrei abbracciare, giuro, Giurato. Vorrei essere la talpa nell’isola dei famosi. Vorrei essere un fratellone che lavora nella fattoria X. Vorrei ballare con le stelle dopo aver ascoltato l’oroscopo. Vorrei dare un calcio a quelli che…in piazza Grande. Vorrei poter dire “io sono in quanto video”.  Vorrei spegnerla, ma in casa mia, io non telecomando. Sarà, per la prossima stagione, lo specchio dell’Italia allo specchio, non speculare.

 

A MONTE: NON E’ UN MIRACOLO? (da Giavasan)

 

I wasn’t that hungry tonight so I just thought I would make some toast when all of a sudden it popped up and I was staring at the face of NOBODY in the toast! NON-HOLY WHITE BREAD! What are the chances of an atheist getting a piece of toast that looks like nothing! Somebody call the media! I haven’t been this shocked since I found the Flying Spaghetti Monster in my vermicelli.

 

Postato da: penzogi a 13:31 | link | commenti (4) |

29/08/2008
 

  

Nuovo record

“Secondo il display della pompa di benzina, ho fatto 10 euro di verde in 6,84* netti. Spero di non migliorarmi in futuro”.

* Litri

A monte. Continua la “campagna” per la mia Nomination (nominazione, in italiano) ai

Macchianera Blog Awards 2008

 

come si fa? Da oggi fino al 5 settembre cliccando qui, potete segnalarMi, Nome del Blog: Ioguido Indirizzo del Blog: http://ioguido.splinder.com. Categoria: a Vostro piacere, a me piace Blog Rivelazione (la rivelazione alla fine)

Mi dispiace per chi credeva che il tutto fosse finito ieri. Oggi Vi progongo una intervista autodamè (l’autore intervista lo stesso autore, all’insaputa dello stesso). Se, al termine, avete altre domande…

Che cos’è cambiato da ieri? Da quando mi sono candidato per i Blog Awards, i giornalisti mi hanno fatto le pulci. Adesso non mi gratto più.

Cosa sei disposto a fare per essere votato? Scendere dalla catasta di specchi  sulla quale mi sono arrampicato, aggiustare tutte le uova rotte nel paniere e restituire il fiore che ho rubato per lei.

Perchè hai iniziato il blog? Perchè avevo un sacco di caramelle da dare e nessuno le prendeva (da uno sconosciuto).

Una frase che ti identifica? Tutti hanno un prezzo, chi s’è fregato il mio?

Il prossimo passo? Il sinistro.

 

Perchè questa scritta “applausi”? Perchè se non mi autostimo io, chi mi autostima?

 

(MF) Quindi lei non scenderebbe a compromessi? Diciamo che gli chiederei di salire da me…se poi questa domanda lascia sottintendere qualcosa, confesso che non amo il campeggio. (Già che ci sono a scrivere, posso fare io una domanda: se si fa sulle Alpi si chiama alpeggio, ma se mi trovo sugli Appennini?)

(MF) Dio esiste? Se però non ha un blog non può partecipare agli awards… 

 

Postato da: penzogi a 08:46 | link | commenti (7) |

28/08/2008
PreMio

  

Se mi candido (non candito) mi votate?

Macchianera Blog Awards 2008

 

come si fa?

Da oggi fino al 5 settembre cliccando qui, potete segnalarMi, Nome del Blog: Ioguido Indirizzo del Blog: http://ioguido.splinder.com.

 

Votare oggi non costa nulla…ma domani potresti pagare per farlo.

Perchè farlo? Perchè è una catena senza santi in paradiso, Antonio compreso. Fate un post sul blog e segnalatelo a 10 vostri amici. Martino non l’ha fatto ed ha perso la kappa (il suo vero nome era Kmartino). Se lo fate smetterà di piovere. Se non piove pioverà e poi smetterà di piovere. Perchè è un concorso ed io sono uno studente fuori-concorso da molti anni. Per giocare nella blogsfera, ma senza dimenticare la blogpiramide o la blogCuneo. Perchè tutti hanno una Macchia Nera nel proprio passato anche se, a guardarla bene, sembra più una mosca. Perchè potete esprimere un voto senza il dito puntato e il fiato sul collo di un radicale, indipendentemente dalla par condicio (par, ma non sono sicuro). Perchè votare vi rende liberi e belli, felici e gratificati, ricchi dentro e…Insomma, volevo fare dell’ironia ma non ho trovato gli ingredienti adatti. Infine la categoria…Se cercate: Nomi di persona che cominciano con i, non c’è. Non c’è la categoria: Persone che comprano scarpe numero 39 anche se hanno il 44, per sentirsi giovani. Non c’è la categoria: Blog che hanno cambiato il mondo…adesso si dice ondmo. Non c’è la categoria: Sembra stupido, anzi…però un dubbio…Io proverei con BLOG RIVELAZIONE. Se bisogna votare, perchè non votare in grande?

 

ps: Sarei anche disposto a scambiare voto con voto di scambio a cui aggiungo una catena per bici sadomaso, la bici. Inoltre a dimostrazione d’esser degno della categoria Blog Rivelazione, Vi vorrei rivelare una rivelazione che nessuno Vi ha ancora rivelato: c’è terra su Marte.

e la stampa, cosa scrive?

Alla convention di Denver una serata densa di commozione, nervosismo, entusiasmo:

Guido si candida
«Il modello da seguire sono io, se volete rallento»

Il blogger (si scrive così?) parla dei suoi successi a palla prigioniera e a ruba mazzetto. 

 

DA UNO DEI NOSTRI INVIATI
DENVER — Una giornata da ricordare.
Densa di commozione, nervosismo e alla fine entusiasmo contagioso. Carica di suggestioni nostalgiche, tensioni appena dissimulate, orgoglio per la scelta che scrive una nuova pagina della blogsfera. Un voto per acclamazione consegna ufficialmente la nomination di Ioguido per la categoria Blog rivelazione. Il coup de theatre di Guido che si candida al Macchia Nera blog awards, nella speranza gi giocare un ruolo decisivo nella drammatica votazione del BlogFest 2008. Comunque vada a finire, domani è un altro giorno, sarà venerdì. Niente foto, grazie. La storia della palla prigioniera? Mentre Carla (Bruni, N.d.A.) mi faceva da palo, sono entrato nella guardiola del portinaio e l’ho gettata fuori dalla finestra. Un gioco da ragazzi! La prossima volta staremo più attenti quando giocheremo con la palla in cortile.

 

 

Bill Clinton mentre sta per indicare Guido come candidato (Reuters), la stessa cosa fa Rat-Man, sotto.

 

 

 

Postato da: penzogi a 11:36 | link | commenti (2) |

27/08/2008
 

  

Una volta ho scritto per il teatro, rileggendo capisco perchè non mi ha mai risposto…assurdo!!!

LA CANTATRICE CALVA NON ERA CALVA, AL MASSIMO AVEVA LA FRONTE MOLTO ALTA.

Libera lettura, scrittura, frittura, futura messa in scena con altare, a chiare lettere, a latere.

UN ATTO A CASO, IL PRIMO IN ORDINE TEMPORALE (SPERANDO CHE SMETTA).

La scena fa molta scena. Il sipario si apre: metà a destra, metà a sinistra, metà a discrezione della regia. Al centro si distingue per la sua preparazione un tavolo preparato per la cena. Attorno, da destra a sinistra, tre sedie. Un lato del tavolo non ha sedie, per esclusione. Alla parete di destra uno scalattore immobile, sotto di lui un mobile con un sopraimmobile fermo. Alla parete opposta della scena no. Sulla destra una poltrona abbandonata su una sedia. E’ una poltrona e, per definizione, non farà nulla durante tutta la rappresentazione. Altri oggetti sparsi sulla scena, prima, rappresentano il disordine precostituito, il disagio di vivere, la mancanza di una dispensa, indispensabile. Lo spazio è esistenziale, la luce pregnante, i bagni in fondo a destra. Nulla è a caso ma tutto pare casuale. La fine è nota (nota per la regia: cambiare il finale).

Una bandiera inglese muta, sventola, in omaggio alla nazionalità dell’autore (nota per il trovarobe: se non ci fosse inglese va bene anche francese o spagnola o belga. Assolutamente non tedesca, l’autore non è tedesco).

Musica di un cellulare: (suoneria). 

Prima VFC (Voce fuori campo): Il telefono!!! Si ricorda ai gentili spettatori di spegnere il cellulare, di non masticare cicche, di non fumare, di non masticare sigarette…L’uscita di sicurezza è alle vostre spalle, restate immobili…è andata, potete girarvi. Si ricorda a chi avesse lasciato le proprie impronte all’ingresso, che al momento del ritiro dovrà esibire la ricevuta.

SIGNORA SMITH:  (entra a ritroso tornando su i suoi passi, rivolta alla poltrona seduta sulla sedia) Allora?

POLTRONA: (immobile, come una casa, scuote la testa)

SIGNORA SMITH (Patty, per le amiche): Allora sono le nove (guarda l’orologio a parete che indica le 8 e 35, si avvicina e porta tutte e due le  lancette sul 9) Gli ospiti entreranno dall’ingresso, affronteranno diverse prove, compresa quella del nove, alle nove, poi verrà servita la cena…a buffet. (contando nel vuoto) Dovrebbe esserci tutto…manca il contorno, il contorno di Londra.

SIGNOR SMITH: (entra da dove vuole. Per convenzione da dove è entrato si chiamerà, d’ora in avanti, ingresso) Sono le nove (guarda l’orologio a parete) precise. Ho portato il contorno di londra.

MACBETH: Ma questa non è una tragedia…scusate (esce a ritroso).

SIPARIO

VFC: Applausi!

Questionario (alfanumerico senza numeri) in attesa di un altro atto pubblico: a Perchè la cantatrice è calva come la prima attrice che la rappresentò? b Quale canzone canta la cantatrice? c Se si, la prima o l’altra? d Di che nazionalità è l’autore (sapendo che non è tedesco)? e A che ora si apre la scena (non vale guardare l’orologio)? f Quanto dista il teatro di Ionesco dal bar più vicino? g Ti sembra di conoscere la poltrona? h Se dipendeva da te, perchè non sei andato al cinema? i Un numero da 1 a 90? l Saresti disposto a dare il meglio di te senza ricevuta fiscale? m Ionesco è un nome d’arte o il paese d’origine?

 

Postato da: penzogi a 16:22 | link | commenti |

26/08/2008
e tre!

  

NON GIOCO IN BORSA, E’ TROPPO STRETTO.

“Tutte le medaglie hanno il loro rovescio. Per questo non investo mai in medaglie” (Guido Penzo©)

IL MARE D’ESTATE.

“Questa estate ho fatto il bagno in un mare talmente pulito che, immerso fino alle spalle, riuscivo a contare le dita dei piedi sott’acqua: 13.” (Guido Penzo©)

 

Postato da: penzogi a 15:36 | link | commenti (4) |
citazioni, aforismo, comix, guido penzo

tutti animali, esclusi i presenti.

  

REATI ESTINTI

“Ormai il taccheggio non esiste più. Chi si metterebbe a rubare tacchini al giorno d’oggi?” (Guido Penzo©)

 

Postato da: penzogi a 14:49 | link | commenti |
zoo, comix, guido penzo

 

  

SOTTO IL VULCANO…

 

Scambio il mio regno per un ragno, qualcuno per qualcunaltro, la quattroruote per un biplano bidirezionale, una chitarra scordata non ricordo dove per un post-it giallo oca, un sogno alla grande da realizzare per un cavallo errante, una lettera aperta per una scatola chiusa, un posto a tavola per un posto in prima fila, un cavalletto per amazzone che sa dipingere per un quadro della situazione, un tramonto per un tramare, un quarto d’ora in poi per una valigia da mettere sul letto, un organo qualunque per una viola viola, un salto nel vuoto per la certezza di cadere in piedi, un ferro di cavallo per un bastimento carico di speranze, un capo di lana per un impiegato modello primavera-estate, un grappolo d’uva per un mago con cilindro (anche con cono, ma non gelato), un canguro a forma di zaino per un dente pendente, un asciugamano utilizzabile anche per il viso per un soggiorno estivo, un’idea brillante per una notte senza l’una, l’altra per un sacco da svuotare, un tessera da sera per alpino o appenninico, una pagella delle medie per un paggio della Piaggio, un voto di scambio per uno scambio binario, un orsetto lavatore per un orsetto idraulico, un camaleonte con un dik, un solista per un gruppo elettrogeno, un genio della lampada per una cronaca puntuale, un camallo trentino per una meta da stabilire, l’altra dolce meta per una frase fatta a mano a mano, lucciole dell’est per lanterne rosse.

 

Postato da: penzogi a 13:44 | link | commenti |

25/08/2008
Cechi, d’amore.

  

C’E’ CHI SCRIVE: T’AMO,

SULLA SABBIA.

COSI’ HO SCRITTO

 

SULLA SABBIA.

POI, PENSANDOCI BENE, HO SCRITTO ANCHE

 

SULLA SABBIA.

IN CONCLUSIONE, SE C’E’ CHI SCRIVE T’AMO SULLA SABBIA,

IO HO SCRITTO

 

SULLA SABBIA. (Guido Penzo©)

 

 

Postato da: penzogi a 11:27 | link | commenti (12) |
citazioni, guido penzo

22/07/2008
 

  

 

BUONE VACANZE A TUTTI / E / A / O / U

Con i se e con i ma non si scrive la storia, ma se è un blog si, quindi ma se cercavate dei consigli “di vita” allora vi consiglio di leggere Qui. Se, invece, avete guadagnato tempo e ne avete da perdere ecco il test a test che ha avuto maggior successo: Qui. Ma se non cercavate i fincipit, ecco che vi hanno trovato loro, Qui. Senza se e senza ma? I giallini Qui Ma senza dimenticare lo zooQui. C’è poi sempre la cucina con la ricetta del Pan Egirico  Qui.   Insomma…

Voi sietequi.

 

Postato da: penzogi a 15:40 | link | commenti (5) |

un po’ eta e un pi’ rata (della strada).

  

Nella prima non mi sono riconosciuto.

SECONDA POESIA AUTOBIOGRAFICA DOVE TUTTI POSSONO RICONOSCERSI

 

L’ODE ALLO SCRITTORE(Guido Penzo©)

Ho scritto t’amo sulla sabbia.

Ho scritto lavami sul parabrezza impolverato.

Ho scritto viva milan sul muro di cinta.

Ho scritto TVTB sullo zaino della mia ragazza.

Ho scritto liberi tutti sul braccio della statua.

Ho scritto Guido e Lia sulla corteccia della quercia.

Ho scritto Dio c’era nelle aree di sosta.

Ho scritto pagare meno sul vagone del treno.

Ho scritto 0812645918 nella toilette dell’autogrill.

Ho scritto sms sul mio cellulare.

 

Per tutto questo, se non basta

Ho scritto: scrittore

sulla carta d’identità.

 

Postato da: penzogi a 11:21 | link | commenti (5) |
citazioni, autobiografia, comix, si scrive, guido penzo

21/07/2008
Da domani feriale, domenica festivo.

  

POSTDATATO LUGLIO 2007

(datosi che da domani si è vacanti…stessa spiaggia, stesso mare, stesso post di un anno che fu)

VACANZIERI? VACANZDOMANI.

Tra poco si parte (questo è un post di parte). Ho fatto la lista di quello che devo portare, la lista di quello che devo lasciare, la lista di quello che devo vedere, la lista di chi non devo stare ad ascoltare. Ho fatto controllare l’auto, c’è! I documenti li ho messi nel documentario. Ho sbrinato il frigo e sfornato il forno. Già che c’ero ho coperto le coperte e comperato l’autoabbronzante per l’auto. La casa al mare l’ho fatta portare a riva. In tasca ho il regolamento del gioco delle biglie da spiaggia, ho svuotato il sacco per metterci le biglie, il castello di sabbia non ci stava. In valigia ho messo il costume, quello di arlecchino, ho il dopo sole, il dopo barba e il dopo cena, ho la guida inglese a sinistra, ho lo stradiario dove segnare i percorsi giorno per giorno, ho il salvagente per la gente e il salvavita per me, ho il telo da amare, ho la canottiera per quando uso il canotto. L’ombrellone per ripararsi dal piovone è già nel bagagliaio…Non credete che ho il regolamento per giocare con le biglie? State a sentire: 

LE BIGLIE:     1.1. Alla gara sono ammesse solamente biglie di materiale plastico, lisce superficialmente, cave, con un emisfero trasparente ed uno opaco di colore a scelta. Il diametro della sfera deve essere compreso tra 2,60 cm e 3,60 cm. La biglia deve recare al suo interno, in corrispondenza della saldatura tra i due emisferi, un cartoncino raffigurante un ciclista o, solo in casi eccezionali e in competizioni non ufficiali, altra immagine di un personaggio dello sport…

 

 

 

Postato da: penzogi a 14:18 | link | commenti |
citazioni, comix, si scrive, guido penzo

18/07/2008
 

  

animali si nasce o si diventa?

E’ più facile che un gatto accavalli le zampe che un cavallo gattoni…forse.

A.G.M. (Animali Geneticamente Modificati)

Ho visto un pinguino in smoking.

Ho visto un pescecane mangiare un vitellotonnato.

Ho visto una civetta pavoneggiarsi con un gatto delle nevi.

Ho visto una balena piangere dopo la prova costume: quello di colombina le andava stretto.

Ho sentito un piccione viaggiatore lamentarsi per l’aumento del petrolio.

Ho visto la gazza ladra all’Opera.

Ho visto uno gnu fare lo gnorri. Identico.

 

 

Postato da: penzogi a 16:31 | link | commenti (1) |
zoo, comix, guido penzo

17/07/2008
non provare per credere.

  

“E’ più facile che un cammello passi attraverso un caleidoscopio, che viceversa” (Guido Penzo©)

 

Postato da: penzogi a 22:15 | link | commenti (2) |
citazioni, comix, copyright, guido penzo

Meraviglia

  

“Quando entro in una libreria cerco sempre, tra gli scaffali, il mio libro e mi meraviglio quando lo trovo.

Non ho mai scritto un libro”   (Guido Penzo©)

 

Postato da: penzogi a 20:43 | link | commenti (2) |
citazioni, comix, guido penzo

 

  

L’Italia a crescita zero
Silvio annuncia: tacchi per tutti.
(non è solo uno scioglilingua: ti che ti tachi i tacc…)

 

 

 

Di solito è perché l’economia non cresce e non dipende dalla statura di certi Ministri (Bondi o Brunetta che sia). «All’inizio ero un ciabattino e facevo ciabatte, poi iniziato a tacchinare le belle ragazze sui tacchi ed ho fatto esperienza», dice l’anonimo mastro calzolaio di corte (e basse).  «La gente è strana. Cominciano con il trapianto dei capelli, vincono le elezioni, acquistano calciatori brasiliani…ma questo non li fa sentire una spanna sopra gli altri. Vorrebbero guardare tutti dall’alto in basso. Allora intervengo io». Chi sono gli uomini che vogliono sentirsi più alti? «Molti di più di quel che si crede. Ho un cliente, di cui non posso fare il nome, altrimenti sa…la Guzzanti o il Grillo lo direbbero a tutti…ecco, questo Presidente pensa di risolvere l’economia alzando i tacchi d’interesse…». Perciò è contrario a questa forma di «aiuto»? «No, ci sono situazioni in cui è importante sentirsi all’altezza, non so se mi spiego…se non puoi avere la Bruni mica ti devi accontentare del Brunetta».

 

 

Postato da: penzogi a 18:46 | link | commenti (2) |

16/07/2008
 

  

A CHI MI CHIEDE CHI E’ CHI? CHICCHIRICCHIII! QUANDO UN GALLO NON VA A DORMIRE CON LE GALLINE PERCHE’ RIDONO COME I POLLI.

autocoscienza in aula di disegno, l’ultimo che arriva paga da bere

“Quando mi metterò a scrivere sul serio, smetterò di scrivere”. Frasi fatte, frasi da dire, frasi da fare, frasi baciate, lettere, testamento, testaocroce. Giocare da Re con i modi di dire, condire se volete. Un blog dove si gioca con i sensi ma controsenso, dove niente è serio tranne il gioco. Dove prima si sorride e poi si pensa o viceversa. Un blog dove la ragione può venire da sinistra, dove la precedenza non ha precedenti. Dove niente è a caso, casomai, dove il motto di spirito è anche il nostro, dove bisogna contare fino a dieci e sorridere. Chi non sa contare può cantare. 

Con i se e con i ma non si scrive la storia, ma se è un blog si. Assieme nella partecipAzione di chi scrive, di chi legge, di chi aspetta il tram tram quotidiano (se illustrato, settimanale). Un blog per sorridere del senso comune, per guardare le “cose” da un altro punto di svista, per un gioco non fine a se stesso, ma un fine gioco di rimandi a settembre. Pro mossi? Non voglio essere pro Lisso, non è nella mia natura, semmai pro Sopoppea.

Non voglio essere Super Ficiale (non mi piacciono i Supereroi ne le eroine), non voglio avere 9 in intervallo, non voglio spartire con Gloria i suoi 15 minuti, voglio solo incontrarmi con i background di chi può avere il piacere di leggere scritture leggére. In fondo (o in forno) un gran pasticcio fatto da un apprendista pasticciere/pasticcione con ingredienti pescati in e con la rete per chi si crede di essere.

Ogni riferimento ad avvenimenti o andanti, a persone, personaggi, cose, case, chiese o chiose è frutto dell’immaginazione, dell’impaginazione, della bella stagione, del frutto della passione, della frutta in generale. Leggere attentamente i post prima dei past.

 

Postato da: penzogi a 14:48 | link | commenti (4) |

 

  

Bisogna avere orecchio, ma se non c’è cuore…

pubblicità per il progresso.

 

LA REDAZIONE (in posa o in riposa, a scelta)

 

Alessandro Robecchi, Lia Celi, Michele Serra, Roberto Grassilli, più Roberto Perini (riverso sul tavolo) e il Tato Sergio Banali (sotto il tavolo), posano per il settimanale “Espresso” nello stambugio sotto il palazzo dell’Unità, in viale Fulvio Testi a Milano. (Roberto Grassilli)

Non c’è niente di MALE

 

 

Postato da: penzogi a 13:26 | link | commenti |

 

  

Per la rubrica VOCABOILARE® o DIZIONARIO ETIMOILLOGICO® o ®

a scelta:

IPOPOTAMO: Mammifero di piccola taglia conosciuto come pachiderma, simile ad un pacco di pelle, che solitamente si addormenta appena vede un ipotalamo.

COCOZZARO: Intenditore di cozze che non guarda all’apparenza, bionde o more uguali sono.

 

Postato da: penzogi a 11:35 | link | commenti (2) |
citazioni, zoo, vocabolario, comix, copyright, guido penzo

15/07/2008
io

  

“NON PIANGO SUL LATTE VERSATO

MA SUL TAPPETO CHE HO MACCHIATO”

Non dico che la sfortuna mi perseguita ma, se non è lei, chi è che mi citofona alle tre di notte? Non scoppio di salute per non ferire la sensibilità altrui. Quando non riesco a prendere sonno è perchè va troppo veloce. Col cavolo che faccio merenda. Piango lacrime amare solo se lo zucchero è finito. Dormo tra due guanciali quando metto su pancetta. Non infierisco alle fiere in cui sono esposte delle fiere. Non tradisco la fiducia, prima la mollo. Quando il gioco si fa duro l’ammollo nel latte. Ho un occhio per gli affari, quando costano troppo l’altro. Non prendo mai nessuno per i fondelli, faccio fatica. Ho il mal d’auto quando mi passa sul piede. Quando tiro il freno a mano, dove colgo colgo. Non sopporto gli imprevisti che arrivano in ritardo. Non inseguo la fortuna, aspetto che rallenti. Il caffè mi rende nervoso solo quando me lo verso addosso. Sono un semprealverde. Quando faccio quattro conti in tasca non so mai il risultato, sono bucate. Odio odiare.

 

Postato da: penzogi a 14:01 | link | commenti (1) |

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...