55

CHE SABATO SPRINT BERLUSCONI: A SANREMO E’ ARRIVATO PREMIER

Sanremo. La 96° edizione della Milano-Sanremo è stata vinta da Silvio Berlusconi. “Sognavo la Sanremo e l’ho vinta, ora voglio il Quirinale”, ha commentato il Presidente del Consiglio. Quella di Sabato è stata una corsa in salita, condotta ad una media del 51% (sondaggio per conto della Casa delle Libertà). Gruppo quasi compatto fino alla fine nonostante gli scatti di Calderoli e le critiche di Casini alla tattica di gara del Cavaliere che, in sella ad una Azzurra (ex-Bianchi), aveva tentato la fuga solitaria dopo il via. Subito ripreso dal gruppo, ad un chilometro dal traguardo e a 500 da Vicenza, i big erano tutti lì, con Prodi e Rutelli in testa (sondaggio per conto dell’Unione). A 500 metri dalla fine, aiutato da un folto gruppo di sostenitori, arrivati mezz’ora prima del termine e schierati ai lati del traguardo, Silvio si è alzato sui pedali e nonostante Luca Cordero di Montezemolo gridasse “Bisogna fermarlo, bisogna fermarlo”, ha piazzato l’affondo decisivo (alla Confindustria, ai giudici, alla stampa, ai sindacati ecc.). Dopo di lui, ma in ritardo, è partito (Lega) il già appesantito Borghezio per per tirare la volata a Maroni. Ma non c’è stato nulla da fare. Ha vinto a dito medio alzato Silvio, che al termine, ai microfoni di Mimun ha dichiarato: ” La maglia del prossimo giro d’Italia, in mio onore, non sarà più rosa gay ma azzurra”. Solo un sogno? Un incubo!

Ecco un buon motivo per dare, almeno per una volta, precedenza a sinistra.

 

Postato da: penzogi a 13:28 | link | commenti (5) |

 

 

TRASPORTI PUBBLICI: Martedì 21 marzo, sciopero per le linee metropolitane e tranvie urbane – Il sindacato ORSA – Organizzazione Sindacati Autonomi e di Base – ha indetto uno sciopero dei macchinisti delle linee metropolitane per martedì 21 marzo 2006.
 
 

DALLE 9.42 ALLE 10.42 CRONACA DI UNA RAPINA ANNUNCIATA. 

 di Guido Penzo  

 

Non sempre riesco a vedere i confini delle nuvole attraverso le sbarre alla finestra. 

 

Martedì 19 febbraio. E’ tutto pronto.

Ore 9.42 L’appuntamento è al bar di Corso Como. Sto aspettando il mio caffè al banco quando entrano Francesco detto Zandegù, per la somiglianza con il ciclista e Francesca detta Squillo perché…lasciamo perdere. I due si siedono vicino alla vetrinetta delle brioches. Manca solo Lancillotto, chiamato così da quando ha sposato una di Ginevra.

Ore 10.09 Arriva anche lui. Zandegù lo chiama al tavolino “Dove cazzo sei stato?”. “Scusate raga’, ma c’è un traffico della madonna, neanche ci fosse lo sciopero dei mezzi”. Squillo si accende una sigaretta. Il tipo dietro il banco la guarda male. Lei gli fa gli occhi dolci, poi gli mostra l’anello che ha al dito medio. “Oh, lascia stare” la richiama Zandegù “Non fare casino”.

Ore 10.12 “Allora ragazzi” facendo finta di leggere la Gazzetta, Zandegù ricorda il piano “Tutto chiaro? Tu” rivolto a Squillo, “Distrai la guardia che sta di fuori. Portalo dove vuoi, ma portalo. Noi tre entriamo alle 10 e 33. Le armi e la borsa sono nel cestino vicino alla cassa 5, dove le ha messe Canguro, quello della cooperativa di pulizia, questa notte. Il timer della cassa centrale è programmato per le 10 e 34. Lancillotto si occupa dei clienti, tu degli impiegati (ricordati anche di quelli nell’ufficio aziende) ed io salto dietro. Non più di un minuto. Okey? Le pistole le buttiamo prima di uscire, tanto sono finte. Appena fuori via le maschere da Berlusconi. Io e Lancillotto scendiamo nella metrò, mentre tu” rivolto a me “ricorda che il 33 passa alle 10 e 37. Intanto che arriva, aspetta nell’edicola che c’è davanti alla fermata, compra il giornale! Tu alle 10 e 38 sei libera. Okey?”. “E se quello finisce prima?” chiede sorridendo la Squillo. “Inventati qualcosa, magari gli racconti delle barzellette”.Mentre Lancillotto, per punizione, va a pagare, sincronizziamo gli orologi.

Ore 10.30 Arriviamo da vie diverse davanti alla Popolare di Piazza Loreto, giusto in tempo per vedere la guardia giurata che si allontana con Squillo.

Ore 10.33 Siamo dentro. La maschera di Berlusconi calata sul volto. Una vecchietta si mette a ridere. “Fermi tutti, non fate cazzate” urla Lancillotto.

Ore 10.34 La cassa si apre e Zandegù inizia a riempire il sacco.

Ore 10.35 Siamo fuori. Camminando lentamente Zandegù e Lancillotto scendono sotto.

Ore 10.36 Sono alla fermata del 33. Compro La Repubblica all’edicola. Sento le sirene della pula.

Ore 10.38 Il tram non arriva. Davanti alla banca ci sono già tre auto.

Ore 10.39 Guardo l’orologio, incomincio ad innervosirmi. Quando arriva questo cazzo di tram. Sfoglio velocemente il giornale. Mi accorgo che è al contrario. Cazzo, cazzo, cazzo.

Ore 10.42 Due poliziotti si stanno avvicinando a piedi con una vecchietta. Quella che si era messa a ridere quando ha visto la maschera. Mi indica. “’Fanculo” penso “E’ finita”. L’occhio mi cade sul titolo nella cronaca locale “Sciopero di quattro ore dei mezzi pubblici, dalle 8 alle 12. Disagi per chi si deve recare al lavoro”. “Sfiga per i rapinatori” penso mentre un poliziotto mi indica di allargare le braccia.  

 

Secondo me quella nuvola ha la forma di una lepre…

 

Postato da: penzogi a 10:35 | link | commenti (4) |
si legge

 

Mai avuto paura di perdermi, però adesso sapete dove trovarmi…la seconda a sinistra.

 

Postato da: penzogi a 09:07 | link | commenti (1) |

 

«Yes, it’s a show»

 

 

Postato da: penzogi a 08:30 | link | commenti (3) |

17/03/2006
 

Come a febbraio, a volte ripassano. “Se oggi, venerdì 17, un gatto nero mi tagliasse la strada…saprei cosa fare: L’aggiusterei con il nastro adesivo.”  Guido Penzo©

z

 

Postato da: penzogi a 13:32 | link | commenti (1) |

 

E’ stato bandito il bando  Dead or alive or sopravissuto or sottovalutato. Oltre a Penne comiche Opere di narrativa umoristica a tema gastronomico Luogo e data della premiazione: San Salvo – 06 Agosto 2005 Termine di consegna: 14 Maggio 2005. Quindi all’opera e appena finita a casa, in cucina, a scivere e/o a lavare i piatti, i curvi, i bicchieri dopo averli svuotati (quelli mezzi pieni). In cambio di mezza stagione un armadio con gli scheletri sul balcone, a prendere aria (non tutta, egoisti).

 

Postato da: penzogi a 10:19 | link | commenti (2) |

 

 

Los jóvenes se preparan para el ‘macrobotellón’ que se celebrará hoy en varias ciudades españolas

 MADRID.- Cientos de jóvenes se preparan para los ‘macrobotellones’ (megaciucca) nocturnos que se celebrarán hoy en una veintena de ciudades españolas, entre ellas Madrid, Barcelona y Valencia, convocados a través de correos electrónicos y móviles, mientras que las autoridades han establecido medidas especiales para evitarlos o controlarlos. Se la berranno da soli, nessuno che gliela voglia dare a bere come da noi.
Astenersi astemi!

 

Postato da: penzogi a 10:08 | link | commenti (3) |

 

Leggo su Metro (non City):

IN ARRIVO LE NUOVE BORSE DI STUDIO

“La Giunta Regionale della Lombardia ha approvato un bando per nuove borse di studio. Le domande dovranno essere presentate agli Isu entro il prossimo 7 aprile.”

Già me le immagino, queste nuove borse di studio: più larghe per poterci giocare dentro (giocare in borsa), più capienti per contenere più libri con più pagine e più illustrazioni e/o una confezione intera di assorbenti per le ragazze.  Più colorate, per essere ritrovate al buio e non più a tentoni mentre si è a carponi. Con più tasche, per il pane, per il diario virtuale (blog), per la merenda quella unta, per l’ombrello non più pieghevole, per i fazzolettini, per il rossetto e/o la parrucca, per il vestito da sera, per le scarpe col tacco e/o i tacchetti per i ragazzi. Insomma se la rivoluzione deve cominciare può cominciare dalle nuove borse di studio e/o no?

 

Postato da: penzogi a 08:37 | link | commenti (1) |

16/03/2006
 

 

“BLOG GRAFFITI”  Foto (Post) di William Nessuno.

 

Postato da: penzogi a 16:02 | link | commenti (2) |

 

OROSCOPO DI IERI

Scritto col senno di poi (o senza senno ma con molto sonno).

 

Per gli innati dell’Acquario, ascendente Scorpione, discendente in linea diretta da un Toro, dico a te che stai scrivendo, sarà stato un buon giorno (l’avete visto dal mattino?). Gli astri vi hanno regalato l’occasione di cambiare vita (l’avete colta?). Il vostro senso estetico ha richiesto di essere appagato (quanto avete pagato?). Fate attenzione ai dettagli, al semaforo rosso e non aprite quella porta. Ricordate che non sempre una buona idea si può scambiare con una scatola di fiammiferi di un hotel (anche se grandhotel) e due biglietti del tram. Se l’idea vi piace aggiungete anche una figurina di Lodetti. Sarà un investimento.

Adesso che ho scritto l’oroscopo di ieri (ed ho messo in tasca la figurina) dovrei trovare il modo di tornare indietro. Quindi:

Cerco passaggio in macchina del tempo, condivido spese benzina e faccio a metà della rustichella all’Autogrill.

 

Postato da: penzogi a 13:38 | link | commenti (1) |
si scrive

 

“HO PIU’ AUTOSTIMA DI ME

DA QUANDO HO SMESSO DI LEGGERE L’OROSCOPO

ED HO INCOMINCIATO A SCRIVERMELO”.

Guido Penzo©

 

Postato da: penzogi a 10:16 | link | commenti (1) |

 

Allo studio possibili terapie contro l’Alzheimer
Usa, scoperta la molecola
che fa perdere la memoria

(che adesso non si trova, la memoria? No, la molecola!) 

ROMA – (ANSA -15 Marzo 2006). Forse la perdita di memoria causata dalla demenza senile si può curare. Un team di ricercatori statunitensi della Johns Hopkins University e della University of Minnesota Medical School ha testato, come cavie umane,  la proteina che, al termine dell’esperimento, è stata riposta in un cassetto. Ma adesso  nessuno più ricorda in quale. L’esito della ricerca è stato evidenziato dalla rivista Nature che ha bandito un concorso a premi: “Chi si ricorda in quale cassetto è stata messa la molecola che fa perdere la memoria?”. Il concorso è stato sponsorizzato da una nota ditta produttrice di Post-It. (ANSA -15 Marzo 2006). Guido Penzo.

 

Postato da: penzogi a 09:31 | link | commenti (1) |

15/03/2006
 
Nella foto  Quim Monzò che legge Quim Monzò (da leggere).

Quim Monzó nació en Barcelona en 1952. Ha ganado el premio Nacional de literatura, el Ciudad de Barcelona de narrativa, el de novela Prudenci Bertrana, el de novela El Temps, el Lletra d’Or al mejor libro del año, el de los Escritores Catalanes y, en cuatro ocasiones, el premio de la Crítica, que otorga Serra d’Or. Ha traducido a Truman Capote, JD Salinger, Ray Bradbury, Thomas Hardy, Harvey Fierstein, Ernest Hemingway, John Barth, Roald Dahl, Mary Shelley,  Roald Dahl, Howard Barker, Arthur Miller…Ha escrito, con Cuca Canals, los diálogos de Jamón, jamón  de Bigas Luna. Ha escrito El tango de Don Joan, con Jérôme Savary. Es colaborador habitual del diario La Vanguardia. Ha scritto tra l’altro: Il migliore dei mondi |(El mejor de los mundos). Turín: Einaudi. Aparecerá en el 2005 (non ancora edito). Traducido por Glauco Felici.  Guadalajara Milán: Marcos Y Marcos, 1997. Traducido por Gina Maneri.    Il perché di tutto sommato |(El porqué de las cosas). Milán: Marcos Y Marcos, 1994 (2a impresión: 1994). Traducido por Gina Maneri.  Olivetti, Moulinex, Chaffoteaux et Maury |Milán: Marcos Y Marcos, 1993. Traducido por Gina Maneri. 

 

Postato da: penzogi a 16:35 | link | commenti |

 

Portobello è questione di gusti.

Siccome sono pigro, raramente vado per mercati. Preferisco siano loro a venire da me. Però c’è un mercato che mi piace frequentare il mercoledì (oggi che giorno è?). Lo trovate quì. Ne approfitto per mettere in vendita:

Vendo navigatore satellitare brail per autisti non vedenti (ottimo per rettilini).
 
 
– Vendo cordon bleu color marron, ancora caldo (piccolo morso sul retro, angolo alto a destra). Telefonare prima dell’ora pasti.

Vendo cintura gialla color nero per chi si vuole credere d’essere piuttosto che avere.
Noleggio biglietti da visita prestampati con nomi di fantasia tipo Paperon de Paperoni, il Grande Bleck, Silvio Berlusconi, Eva Kant.                        Chiamare ad alta voce Guidoooo!

 

Postato da: penzogi a 12:54 | link | commenti (1) |

 

 

Puglia, traffico illecito di rifiuti.

BARI – Arresti eccellenti in Puglia in seguito a una vasta operazione dei carabinieri contro il traffico illecito di rifiuti.  Il traffico criminale, secondo quanto ricostruito dagli inquirenti, riguarda rifiuti provenienti da varie parti d’Italia. Complessivamente i carabinieri del Noe di Bari e quelli dei comandi territoriali di Bari e provincia e di Roma hanno eseguito ordinanze di custodia cautelare nei confronti di 13 persone, in gran parte noti imprenditori del settore.  (15 marzo 2006)

“Era chiaro, fin dall’inizio, che qualcosa puzzava”. (Guido Penzo©)

C’è del marcio in discarica!

 

Postato da: penzogi a 11:33 | link | commenti |

 

 

SE QUALCUNO VOLESSE GIRARE LA CLESSIDRA

 

Postato da: penzogi a 10:54 | link | commenti (1) |

 

La mattina dopo ha l’oro in bocca, iniziati i lavori per l’estrazione.

Cosa dire, il giorno dopo è sempre un giorno dopo il giorno prima (speriamo se ne faccia una ragione). A mente fredda, tirata fuori dal frigo da poco, si può esprimere un’opinione su la notizia che è sulla prima pagina di tutti i giornali. Si deve espremere un parere, un’arancia, un punto nero. Tutto fa brodo (tranne il punto nero, una macchia indelebile sulla carriera della Lucia). Di fronte alle dichiarazioni di Prodi, al nervosismo malcelato dal cerone di Silvio, al gol di Stanko, all’arrivo del suino padano doc (notizia molto leghista e poco islamica), al Contrat Première d’Ebacle, alle 500 mila domande per 170 risposte, non possiamo rimanere immobili (sfitti) e non dichiararci felici di una notizia che nessuno smentisce: Brad e Angelina si sposeranno a Como. Como? Proprio così. I divini di Hollywwood si stanno avvicinando alla città làriana. Berlino, Londra, Saint Tropez, Sesto San Giovanni, Muggiò, Strada Statale 35. Tutto è quasi pronto, l’arrosto nel forno e lo spumante sul balcone (quello a nord, dove non batte il sole). Anche il sindaco di Cernobbio, Simona Saladini, che ha già ritirato dalla tintoria la fascia tricolore lavata e stirata, si è dichiarata pronta a celebrare le celebri nozze in qualsiasi momento, in qualsiasi villa, a qualsiasi ora (basta avere un leggero preavviso per rifare il trucco). La mia opinione? Zero positivo (50 donazioni).

 

Postato da: penzogi a 10:21 | link | commenti (1) |

14/03/2006
 

SE DATE TEMPO AL TEMPO, POTETE TENERNE UN POCO PER ME?

Sono di corsa, come ogni martedì. Oggi che giorno è? Devo fare pezzi, speriamo che tornasole. Quindi poco tempo di scrivere, di leggere, di far di conto (domani lo farò, contateci), di parlare a vanvera (lei che aspetta qualche consiglio da me), di parlare a ragione venduta (tutti hanno un prezzo, l’apprezzo). Eppure ci sarebbe tanto da dire. Per esempio le file fuori dalle poste (neanche a farle apposta), tanto sono abituati, hanno pensato. Pensate se le file le avessero fatte fuori da una merceria o fuori da una libreria. Poi questa sera c’è il grande incontro (non dico dell’inter). Poi bisogna parlare con Eco, per decidere dove andare se…Va bene l’avventura, ma almeno capire se devo portate un costume da bagno o un costume da pulcinella. Poi devo trovare il tempo di allungarlo (chissà se va bene allungarlo con l’acqua, se ne accorgeranno?). Il problema è che non riesco ancora a trovare il tempo a lunga scadenza, stà scadendo. Ancora un sec.*

* sec. = secolo, non sec. = secondino = un secondo che mi nascondo nel comodino. Nel cassettino no, troppi sogni da spostare.

 

Postato da: penzogi a 12:37 | link | commenti (3) |

13/03/2006
 

Spulciando un bassotto (politicamente scorretto) ho ritrovato degli appunti tratti da “Animali si nasce o si diventa”©, tratti da “Tutti animali esclusi i presenti”©, tratti da “Come trattare gli animali per farsi fare lo sconto”©, tratti da “Uomo sarà lei, come offendere gli animali quando si comportano come tali”©, tratti da “Il tarlo nell’orecchio, quando la pulce va in vacanza”©, a tratti:

– Ho visto un coniglio pavoneggirsi pur di farsi notare da una rana che correva come una lepre.

– Ho visto un lupo andare a dormire con le galline, pur di avere una storia da raccontare.

– Ho visto un dromedario fare la civetta, poi mi sono voltato.

– Ho visto quattro topi ballare con quattro gatti quando il cane non c’era.

– Ho visto un’ anguilla cadere dal sonno.

– Ho visto un cane del deserto in compagnia.

– Ho visto due mucche guardarsi in cagnesco.

– Non ho sentito un airone muto come una sanguisuga.

– Ho visto un delfino nuotare stile farfalla.

– Ho visto un verme nudo che continuava a starnutire.

– Ho immaginato una farfalla sognare di essere un’uomo e svegliarsi dall’incubo. 

 

Postato da: penzogi a 14:23 | link | commenti (3) |

 

Non so se qualcuno l’ha gia scritto, ma mi è venuta in mente così, adesso, tra il lambrusco e il brusco, ascoltando i titoli al TG. La scrivo per come l’ho pens’innata:

 

“Per me nello scontro tra Berlusconi e Annunziata ha ragione Berlusconi, perchè veniva da destra”. (Guido Penzo©)

 

Postato da: penzogi a 13:44 | link | commenti (1) |

 

“Oggi sole, domani in compagnia”

Dopo il vento di ieri che ha fatto volare parole grosse tra il Silvio e la Lucia, oggi il sole ha fatto Capitolino (Romano). Se il futuro dovesse misurarsi con due pesi e due misure, sarebbe incerto. Bisogna prendere posizione, non si può stare sempre all’ombra del mandorlo in fiore (anche perchè a volte può essere nuvoloso). Eco ha dichiarato che se ne andrà se le cose non andranno nel verso giusto. Meglio italiano in terra straniera che straniero in terra italiana (proverbio clandestino). Potendo io andrei all’estero anche prima delle elezioni per evitare le code pasquali. Comunque è geniale colui o colei che ha avuto l’idea pubblicitaria, più di duemila anni fa,  di far festeggiare tutti, domenica 9 aprile, con un rametto d’ulivo in mano (domenica delle Palme/elettorale). Eppure ieri…

“AVEVO COSI’ TANTO SONNO CHE NE HO MESSO UNA PARTE NEL CONGELATORE PER I TEMPI BUI”.

 

Postato da: penzogi a 13:24 | link | commenti (1) |

 

Ci sono, delle frasi che non ti lasciano dormire per tutto il pomeriggio.  Frasi che quando le leggi non ti dicono niente ma, quando te le scrivono sulla fiancata dell’auto, lasciano il segno. Frasi commo20, commo30, commo40. Frasi che ti basta sentirle una volta per mandare a quel paese chi le ha dette (non parlo di Silvio). Frasi che quando arrivi a quel paese, ti rimandano indietro. Frasi che se non scrivo non si capisce di cosa parlo. Frasi non tanto tipo ma proprio questa:

CARPE DIEM, SOGLIOLE DI NOTTE.Guido Penzo©

 

Postato da: penzogi a 11:52 | link | commenti (5) |

12/03/2006
 

Sarà stato il tempo moderno, saranno le mutazioni genetiche, saranno i geni che non si esprimono, sarà una dieta a base e ad altezza, sarà l’acqua in bocca, sarà che ho detto quello che pensavo, sarà che non dovevo pensare quello che ho detto…Ma ieri all’acquario

HO VISTO UN PESCE

GUARDARMI IN CAGNESCO.

 

Postato da: penzogi a 10:58 | link | commenti (1) |

09/03/2006
 

A Latina è pieno così di latini.

“DURA LA VITA, SED VITA” (Anche quando non si è a dieta).

 

Postato da: penzogi a 09:56 | link | commenti (2) |

08/03/2006
 

Da leggere Oscar a -30: Ristorante al termine dell’Universo   Adams Douglas ; Mondadori € 5,88 Questo è il giardino   Mozzi Giulio ; Mondadori € 3,26 Io, robot   Asimov Isaac ; Mondadori € 5,88 .   Oltre a…

Titolo Il cassetto nel racconto
Autore Celi Lia
Prezzo
Sconto 50%
€ 5,68
(Prezzo di copertina € 11,36
Risparmio € 5,68)
Dati 200 p.
Anno 1997
Editore Sperling & Kupfer
Collana Parole

 

Titolo Salvare le modifiche prima di chiudere?
Autore Celi Lia
Prezzo € 8,26
Dati 190 p.
Anno 2001
Editore Einaudi
Collana Einaudi tascabili. Stile libero
Titolo La zona morta
Autore King Stephen
Prezzo € 9,20
Dati 464 p.
Anno 2003
Editore Sperling Paperback
Collana Super bestseller

 

Postato da: penzogi a 15:31 | link | commenti (4) |
si legge

 

 

L’appello del Presidente durante la cerimonia per l’8 marzo 

«Pari opportunità, servono azioni concrete e ricette più facili»   

Il Capo dello Stato: «L’appretto deve essere usato da tutti. L’uomo lavori più in casa». La Prestigiacomo : «Io stiro, poi ammiro»   

ROMA – Sia il Ministro che il Presidente auspicano un ritorno dell’uomo dentro le mura addomesticate. Il presidente Ciampi ha colto l’occasione della cerimonia in Quirinale per l’8 marzo per rilanciare il suo appello a tutti quei poltroni (o sedioni) ad alzarsi per prendere il bicchiere d’acqua in prima persona: si fa un gran parlare di pari opportunità, di sudditanza sportiva, di cammellate televisive, di aviaria che colpisce i gatti con le ali, ha detto, ma il pericolo è quello di scadere nella retorica senza fare niente di concreto perché donne e uomini abbiano le stesse possibilità di fare le corna al volante, di inveire contro il megaschermo al bar, di arbitrare partite di calcio, di fare la hostess. 
«NUOVI EQUILIBRI DI COPPIA» – Ciampi ha poi guardato alle famiglie italiane e stigmatizzato il fatto che «il rapporto fra uomo e donna nella gestione delle incombenze familiari è ancora sbilanciato: le donne dedicano troppo tempo davanti allo specchio, curano troppo il trucco e troppo poco i tempi di cottura dei cibi surgelati, insistono a fare numeri al telefono per far vincere Raffaele ad Amici, mentre l’uomo ha dimenticato come si avvita una lampadina, come si svita un rubinetto, come si leggela Gazzetta del vicino senza farsi notare ». Premette il Presidente: «Dobbiamo guardare più la realtà che i reality. L’uomo deve imparare a lavare i panni in famiglia, deve controllare i programmi della lavatrice e non solo quelli della TV, deve sapere cucinare a fuoco lento, girando di tanto in tanto. La donna, a sua volta, deve aprire qualche volta il cofano della propria autovettura e non solo per far cambiare aria». Per questo «auspico che si trovino nuovi equilibri nella vita di coppia; che si abbia una migliore ripartizione dei compiti di ciascuno, massimizzando la complementarità delle qualità personali; che si condivida più pienamente la responsabilità e la gioia di essere genitori».   

Guido Penzo, 08 marzo 2006.

 

Postato da: penzogi a 13:41 | link | commenti |

 

Facendo Eco alla Bustina di Minerva, ecco La scopa di Saggina del Saggio:

LA MIMOSA E’ L’UNICA CHE NON FESTEGGIA L’OTTO MARZO.

 

Postato da: penzogi a 10:20 | link | commenti (6) |

07/03/2006
 

Al tempo

Oggi non ho molto tempo, lo cerco ma non lo trovo. Forse l’ho perso ieri. Come dice il proverbio: Chi ha tempo non lo perda. Mi toccherà fare le cose nella metà del tempo. Ptr scrvr snz vcl (sarei più breve, ma meno leggibile). Potrei allungare il passo, cercare di accorciare le distanze, sciogliere i nodi prima che arrivino al pettine, scagliare scaglie di grana (per ingranare l’attesa). Potrei darmi da fare, darmela a bere, correre a trovafiato (chi lo trova è suo). Potrei andare in una Banca del Tempo a prendere tempo. Tempo al tempo, fiore all’occhiello, canti in cantina…Il tempo è scaduto (la prossima volta guarderò meglio la data di scadenza). Infine, ma non ultima, ai tempi delle mute genetiche…

“Ho visto una rana nuotare, in uno stagno, a stile libero.” (Guido Penzo©)

 

Postato da: penzogi a 12:45 | link | commenti (4) |

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...